Vestiamoci  di spazzatura

In Moda

Da diversi anni c’è un’attenzione particolare nei riguardi del riciclo, nel recupero di materiali di scarto, di vecchi oggetti di spazzatura che diventano materia prima da plasmare, rigenerare e trasformare in abiti di “alta moda“. 
Ma non sempre l’esperimento ha un’ottima riuscita: i creativi, spinti da un eccessivo entusiasmo etico, mandano spesso in passerella obbrobri estetici, senza senso e utilità: bottiglie di plastica che diventano gonne lunghe da indossare per eventi eleganti, cartoni che diventano cappotti, domopak trasformato in camicia effetto nude look, ecc., ma chi mai indosserebbe ciò? 
Si, bravi, ricicliamo, recuperiamo, ma non perdiamo di vista lo stile, il gusto estetico e, ancora  più importante, la praticità, l’indossabilità  che un capo deve assolutamente avere. 
Invece diventa davvero riciclo, quando due ragazze sicule, Adriana Santonicito ed Enrica Arena, universitarie milanesi, sviluppano il progetto del tessuto ricavato dagli scarti di arance sotto l’ormai famoso marchio “Orange Fiber”. In sostanza trasformano le bucce di arance, con un processo brevettato, in filato e il filato può essere quindi successivamente tessuto e poi trasformato in qualsiasi forma di abito. Ferragamo ha realizzato parte della sua collezione proprio con questo innovativo tessuto.

Le cicche di sigarette diventano per la cilena Alexandra Guerrero, materia prima delle sue collezioni: i filtri dei  mozziconi  sterilizzati e sanificati vengono trasformati in filato che può essere tinto: il risultato è simile alla lana ricavata dalla pecora.
Dall’Università di Stanford arriva un nuovo “cotone” ricavato dal riciclaggio della plastica: il polietilene è in grado di offrire un migliore raffreddamento della pelle mantenendo fresco quindi il corpo. 
Insomma esempi di riciclo intelligente che creano nuova materia prima da permettere ai creativi del settore, realizzazioni di capi di abbigliamento belli e indossabili: non vogliamo più vedere tappi di bottiglie di plastica che diventano orecchini, o cialde di caffè che vengono trasformate in orribili collane o impermeabili fatti con ombrelli, che, si, non ti bagni di pioggia, ma ti inzuppi di sudore.
Credo che avere la Terra e non rovinarla, sia la più bella forma d’arte che si possa desiderare” Andy Warhol. 

You may also read!

To Be al NOpS Festival presso l’Ex Mercato di Torre Spaccata di Roma

Domenica 1 luglio ore 17.30 TO BE | Spettacolo di e con Alessandra Francolini Teatro del Mantice Lo spettacolo ‘TO BE’ racconta la

Read More...

Sabato al NOpS Festival presso l’Ex Mercato di Torre Spaccata di Roma

Sabato 30 giugno ore 20.30 TRASH. Disinfettato, sterilizzato, asettico | Sezione Autori di Margherita Ortolani regia Ilaria Manocchio con Chiara Acaccia, Ilaria Manocchio

Read More...

Venerdì al NOpS Festival presso l’Ex Mercato di Torre Spaccata di Roma

Venerdì 29 giugno ore 20.30 WET FLOOR | Sezione Autori di Fabio Pisano regia Aleksandros Memetaj con Agnese Lorenzini e Valerio Riondino Nogu Teatro “Oggi

Read More...

Mobile Sliding Menu