“UNIVERSO 25” al Teatro Lo Spazio

In Eventi in Teatro

AL TEATRO LO SPAZIO DAL 15 AL 26 NOVEMBRE IL DEBUTTO NAZIONALE DI “UNIVERSO 25” DI FIAMMETTA CARENA, CON DANIELA GIOVANETTI, MAURIZIA GROSSI, GIUSEPPE OPPEDISANO, MAURIZIO PALLADINO, REGIA DI GIUSEPPE OPPEDISANO.

MUSICHE ORIGINALI DI FRANCESCO VERDINELLI

Un debutto nazionale da non perdere al Teatro Lo Spazio.  Dal 15 al 26 novembre 2017 sul palcoscenico di via Locri approda il testo scritto da Fiammetta Carena  UNIVERSO 25, con in scena Daniela Giovanetti, Maurizia Grosso, Giuseppe Oppedisano e Maurizio Palladino, regia di Giuseppe Oppedisano. Musiche originali di Francesco Verdinelli.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale di Youtube

Un condominio in una qualsiasi città del mondo. Quattro personaggi si intrecciano, sognano, inventano mondi in cui rifugiarsi, si perdono. Si sentono minacciati dagli estranei, dagli immigrati, dal degrado, dai topi… Si aggrappano alle loro piccole vite immaginando disperatamente altre vite, altri mondi, senza rendersi conto di essere ridicoli.

Una portiera bigotta sedotta dalla televisione. Un avvocato arrogante, ossessivamente legato alla madre. Un disoccupato colto pervaso dal pensiero della morte. Una signora con un gatto, spaventata da tutto che si acquieta nei libri. Anime perse che si incontrano e si scontrano in un universo che si riduce progressivamente: le identità si dissolvono, i ruoli sociali scompaiono.

“Negli anni ’60  – afferma l’autrice Fiammetta Carena – uno scienziato, John B. Calhoun fece un esperimento: creò un habitat ideale per i topi: lo chiamò Universo 25. Spazio, acqua, cibo, temperatura ideale. I topi si riprodussero, raddoppiarono, ma dal 315° giorno in poi, il paradiso diventò l’inferno.

Morte sociale e poi morte fisica. Autodistruzione.

Si interruppero le nascite. Alcuni topi diventarono pansessuali e iperattivi, diversi furono i casi di cannibalismo,altri definiti dallo scienziato “i belli”, erano interessati solo a se stessi, le loro uniche attività erano mangiare, dormire e lisciarsi il pelo.

Lo scienziato lo definì ‘sprofondamento comportamentale’, per denotare il collasso di una società a causa di anomalie comportamentali provocate dalla sovrappopolazione.

Quell’habitat in teoria poteva contenere più individui: il problema era che c’erano più topi che ruoli sociali. Calhoun pensava che lo stesso meccanismo valesse per gli esseri umani: che la crescita demografica incontrollata avrebbe portato la società al collasso. E alla fine della specie”.

ufficio stampa: brizzi comunicazione- Monica Brizzi 3345210057-0639030347

TEATRO LO SPAZIO

15-26 NOVEMBRE 2017. DAL MARTEDI’ AL SABATO ORE 20.30, DOMENICA ORE 17

Biglietto euro 12 + 3 euro tessera trimestrale. Ridotto euro 9 + 3 euro tessera trimestrale

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

A Natale si diventa più buoni

A Natale si sa, siamo tutti più buoni. Forse perché abbiamo paura che Babbo Natale si scordi di noi

Read More...

NarrandoBo… un format…eatrale urbano

12E' quanto ha provato a fare Leonardo Bianconi con la sua idea da vero regaz (ragazzo in bolognese, anzi

Read More...

Il dinamismo di “In ogni caso nessun rimorso”

btr All’Altrove Teatro Studio è andato in scena uno spettacolo interessante per temi e costruzione, “In

Read More...

Mobile Sliding Menu