‘Un cervello in due’ in scena al Kopò

In Recensioni
un cervello in due7
Foto Sissi© – Luca Comastri e Marcello Paesano

Scritto e diretto da Marcello Paesano, “Un cervello in due” in scena al teatro Kopò vuole raccontare quello che accade nel cervello, in questo caso di un uomo, quando si trova a pensare. Ecco allora che i due emisferi: emotivo e razionale, si incontrano, si scontrano e cercano di relazionarsi con quello che avviene attorno a loro.

In scena si esibiscono lo stesso Marcello Paesano, razionale e Luca Comastri, emotivo, mentre in video appare Valeria Panepinto. La storia racconta di Leopoldo un giovane che vive con la fidanzata Loredana e che con lei ha un rapporto lungo, anche se la convivenza è cominciata da poco. Nella mente di Leopoldo agiscono Leo e Poldo, i due emisferi che si occupano di tutto. Attraverso le loro facoltà, decidono azioni ed emozioni di Leopoldo. Questi, preoccupato della convivenza e pieno di paure per quello che potrebbe accadere, decide di rivedere una sua ex fiamma, amatissima durante il periodo del liceo e lo confida a Loredana.

In scena si alternano divertiti equivoci e conflitti che si dipanano dalla testa e quindi dai due emisferi che si contendono la scena, per arrivare a Leopoldo che, insieme alla fidanzata, appare solo in video. Anche nella vita quotidiana si assiste, nei piccoli gesti, nelle routine di ogni giorno, ad un diverbio di Leo e Poldo. Nei conflitti interiori che appaiono sulla scena, è facile rispecchiare la vita di ognuno di noi, così animatamente conflittuale e capace di rendere anche un semplice gesto complicato.

La commedia divertente, con gag immediate e dirette, che devono rientrare forzatamente in un tempo preciso come quello video, si presta alla divertita partecipazione del pubblico dal quale partono spontanei commenti e riflessioni. Bravi i due attori che riescono a coinvolgere, divertire e rilassare gli spettatori, ma anche ad esprimere e mostrare i conflitti umani.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale Youtube

Alle loro spalle una scenografia che rappresenta ordine e disordine, quale elemento fondamentale del nostro essere, ben diviso nella nostra personalità.

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Recensione: Le notti bianche regia di Francesco Giuffrè

Il Teatro Ghione porta in scena “Le notti bianche” di Fëdor Dostoevskij, con Giorgio Marchesi, Camilla Diana con adattamento

Read More...

Recensione: NOTE DI CIOCCOLATA di Paolo Triestino e Giovanni Baglioni

Andrà in scena fino a domenica 17 Febbraio al Teatro Flaiano "Note di cioccolato", uno spettacolo che intrattiene: il tema

Read More...

CALL CENTER 3.0 al TEATRO DEI SERVI di Roma

                   MAURO ATTURO                         NICOLA CANONICO                per Problem Solving           &            per Good Mood Presentano CALL CENTER 3.0 Scritto e diretto da Roberto D’Alessandro   Con Franco

Read More...

Mobile Sliding Menu