Pubblicato il: 17 Luglio 2019

Sottozero, intervista a Viola Thian

In Musicando con

un filo conduttore può essere proprio la diversità

La giovane cantante Viola Thian, classe 1997, ha pubblicato da poco il suo album d’esordio “Sottozero”, nonostante la sua giovane età, ha già avuto varie esperienze nel mondo musicale. Abbiamo avuto il piacere di rivolgere alcune domande sull’album “Sottozero” e sulla sua musica.

Sottozero è l’album di esordio di Viola Thian, perché Sottozero?

Sottozero” è il titolo del singolo che è uscito precedendo l’album, ed è un brano con il quale abbiamo cercato di parlare della condizione dell’artista nel mondo musicale attuale; è molto difficile emergere tra i tantissimi ragazzi che vogliono vivere di musica. Io in prima persona sto vivendo queste difficoltà, per cui ho creduto che fosse un tema importante e non scontato. Da qui la scelta di dare al disco questo titolo.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale Youtube

Qual è, se c’è, il filo conduttore che accompagna tutti i brani del disco?

In realtà un filo conduttore può essere proprio la diversità, paradossalmente. Mi spiego meglio, ogni brano ha una sua struttura ed un suo messaggio e i primi brani sono stati arrangiati da Emilio Munda per cui seguono lo stesso sentiero di suoni, testi, sfumature… mentre i restanti brani li abbiamo resi in acustico in un altro studio perchè credevo che il messaggio che portavano con se avrebbe dovuto essere espresso tramite un mondo più “vero” in termini di suoni, più acustico appunto.

Com’è nata la collaborazione con Zic nel singolo Bono Vox?

Ho conosciuto Lorenzo (Zic) a Firenze durante un concerto nel quale suonavamo entrambi, abbiamo fatto amicizia e quando poi è nata in me l’idea di poter realizzare un duetto con un altro artista, ho pensato a lui.

Quindi ci siamo sentiti, gli ho proposto questa collaborazione e dopo poco mi ha fatto ascoltare Bono Vox, che mi è subito sembrato un brano forte.

C’è un artista con il quale vorresti collaborare in futuro?

Beh sicuramente ce n’è più di uno, ma dovendo scegliere potrei dire che sarebbe bellissimo lavorare con Mika; mi affascina tanto la sua eleganza.

A chi ti ispiri per la tua musica?

Ascolto veramente di tutto, spesso mi spingo anche verso generi che non sono propriamente miei ma lo faccio perchè credo di avere bisogno di essere contaminata il più possibile dalla musica.

Adoro ascoltare musica degli anni ‘70-‘80, sono innamorata di Tracy Chapman che ho iniziato a seguire grazie ai raffinati gusti musicali di mio papà.

Sei giovanissima ma hai già esperienza nel mondo della musica, cosa ti ha colpito di più di questo mondo e cosa meno?

Sicuramente mi ha colpita molto l’estrema competizione che c’è; non è la prima volta che mi ci confronto, avendo fatto sport a livello agonistico per tanti anni, ma devo ammettere che ti stupisce sempre.

Un’altra cosa che mi ha colpita è stata senz’altro la potenza che può venir fuori dalla musica, ho avuto l’onore di vederlo nei concerti, assistendo alle prove, conoscendo e confrontandomi con grandi artisti. Sono grata per questo.

Tutti i brani sono vicini a te come artista, ma ce n’è uno al quale sei particolarmente legata e perché?

Trovo che “La Musica Ti Fa Stare Male” mi dia una grande carica quando la suoniamo dal vivo, probabilmente perchè ho incontrato persone che non credevano in me e nemmeno nel fatto che potessi avere successo con la musica, per cui quando lo canto dal vivo pretendo sempre di dare il meglio di me.

Tenacia è un aggettivo che molti artisti si cuciono addosso, quanta ne ha Viola Thian?

Beh mi auguro di averne tanta e di guadagnarne sempre di più con l’esperienza ed il confronto!

 

Grazie per aver partecipato alla nostra intervista, buon lavoro!

Accetta i cookie di YouTube per riprodurre questo video. Accettando l’utente accederai ai contenuti di YouTube, un servizio fornito da terze parti esterne.

Informativa sulla privacy di YouTube

Se accetti questo avviso, la tua scelta verrà salvata e la pagina verrà aggiornata.

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Nel capoluogo partenopeo la rassegna Mamma Napoli

Rassegna Teatrale Mamma Napoli L’estate napoletana presenta la Rassegna Teatrale Mamma Napoli, presso il Complesso Monumentale del Chiostro di San

Read More...
Collateral Identity

A Trani la mostra Collateral Identity sull’identità

mettere ordine nel caos dell’identità Sabato 24 agosto sarà inaugurata a Trani, presso la saletta delle esposizioni di Palazzo Palmieri,

Read More...
teatro caesar

Assegnato il Premio Caesar alla carriera 2019

Premio Caesar alla carriera Sesto anno per il Premio Caesar alla carriera che viene assegnato ad artisti che si sono

Read More...

Mobile Sliding Menu

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Privacy –   Cookie policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie