Ridere e combattere per le strade di Cuba al WeGIL di Roma

In Eventi in Letteratura

 

Ridere e combattere per le strade di Cuba
Stefano Disegni e Alfredo Macchi a WeGIL presentano
Alegria Y Revolucion
di Luciano Del Castillo

 

27 febbraio WeGIL – Largo Ascianghi 5, Roma

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale di Youtube

Ingresso gratuito, fino a esaurimento posti

Letteratura ed editoria tornano protagonisti a WeGIL martedi 27 Febbraio alle ore 18.00 con Alegria Y Revolucion (Tempesta Editore), il libro fotografico sul popolo cubano del giornalistaLuciano del Castillo, presentato insieme all’autore da Stefano Disegni, uno dei più famosi disegnatori e autori satirici italiani, e Alfredo Macchi, giornalista televisivo, inviato in zone di guerra, e fotografo per passione con altissima professionalità.

Chi si bacia dietro un leccalecca, chi osserva fisso chi lo osserva, chi si trucca per strada o per strada fa a cazzotti su un ring di legno. Molti sono stregati dal re-cellulare per scattarsi foto o guardarle. I bambini cercano l’onda perfetta per inzupparsi con la mareggiata lungo il Malecon. Molti grandi, semplicemente, ridono con la faccia e con il corpo e l’allegria sembra un rumore irresistibile” Michela Suglia.

 

È l’effetto che fanno le foto di Luciano del Castillo racchiuse nel suo nuovo libro ‘Alegria y revolucion’ pubblicato da Tempesta editore, con la prefazione di Omero Ciai.
Vite di cubani con e senza Fidel Castro, in un’Avana che il fotografo e giornalista dell’Ansa conosce in profondità. Ci è arrivato alla fine degli anni ’90 e contagiato dalla ‘cubanite’, come la chiama Ciai, citando  il neologismo di Grarzia, non ha smesso di tornarci.
Negli oltre 60 scatti il colore si alterna al bianco e nero: quello del turbante giallo di una donna fiera, o dell’ombretto lilla di una ragazzina dolce. ‘Senza’ colore la faccia di un uomo che sbuca da un muro, sigaro in mano e sguardo lontano o la bambina che passa veloce lasciandosi dietro spazzatura e una cabriolet. Guardano dritto in camera, invece, le tre generazioni di donne che ridono di una gioia che sa di vittoria e speranza. Per esserci, per quel che sarà e perché continuano a crederci.Proprio quello che si vede sempre meno dall’altra parte dell’Atlantico, nell’Europa dei cittadini liberi e senza passaporti ma pronti a divorzi e muri da costruire.Ancora più sorprendente la risata di una donna che ha il volto illuminato dallo schermo del cellulare. Ride il ragazzo seduto accanto a lei, scoppiano in una risata che non ha pace i due giovani dietro di loro, per strada. Attimi catturati dall’occhio del fotografo tanto spontanei da sembrare irreali.Sarà questa la revolucion de Cuba?.

Luciano del Castillo è nato a Palermo il 23 giugno 1960. La sua vita è stata un continuo susseguirsi di scelte da dover prendere, considerate fuori dalla norma. Nonostante le problematiche iniziali però, Luciano non ha mai smesso di sognare e intraprendere viaggi in ogni dove, all’insegna della propria felicità. È giornalista, fotografo e lavora per l’agenzia giornalistica ANSA.

WeGIL, l’hub culturale aperto da Regione Lazio con Artbonus e gestito da LazioCREA, continua così la sua missione di mettere al centro le eccellenze culturali del nostro territorio, avviando progetti rivolti all’editoria, per portare al grande pubblico esperienze valide e di spessore.

 

WEGIL – www.wegil.it – Info e prenotazioni: info@wegil.it
Ufficio Stampa HF4 www.hf4.it
Marta Volterra:  + 39 340 969 0012 – marta.volterra@hf4.it

Federica Baioni: + 39 329 811 32 69 – federica.baioni@hf4.it

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Il leone, la strega e l’armadio nel mondo magico di Narnia

Immagine da web In questo prossimo articolo parleremo di una trilogia che ha appassionato non solo

Read More...

La mostra Pixar al Palazzo delle Esposizioni di Roma

Immagine da web Sapete come nasce un cartone animato? No? Neanche io lo sapevo, fino a

Read More...

Divertimento e solidarietà con “Chi la fa la spettini”

Immagine da web Vuoi passare due ore in allegria? Allora devi andare al Teatro delle Muse

Read More...

Mobile Sliding Menu