RIDE – Migliore Sceneggiatura e Miglior Montaggio

In Recensioni

Mastandrea sceglie poche cose da dire, molte da mostrare

XV Premio Cinema Giovane & Festival delle Opere Prime

RIDE è un film su una donna che di fronte alla morte del marito non riesce a piangere e si trasforma in Giovanna D’Arco di Besson al momento dell’estasi (per chi non la conoscesse basta guardare la locandina di RIDE – bocca socchiusa, sguardo tra stupito e rapito – e sarà come aver visto l’espressione della protagonista in tutto il film).

Il lutto colpisce tre diverse generazioni. Il centro è lei, la moglie. L’adulta. Lei è la chiave per la rottura della maschera sociale. Ognuno reagisce in maniera diversa ed è un diritto che nessuno dovrebbe giudicare, ma poi piange, finalmente (tra l’altro in una scena memorabile del film che arriva troppo presto e che è ben al di sopra delle scene a seguire, così che il finale rimane un po’ insipido) e quindi dopo l’ossigeno respirato fin qui, di nuovo rientriamo nei canoni. Se muore la persona che ami DEVI piangere. Poi abbiamo il padre della vittima, di cui il figlio ha seguito le orme in questo lavoro in fabbrica, che ha segnato la fine sella sua vita. L’anziano è la chiave della denuncia sociale. La morte sul lavoro. Anche se a dire il vero non abbiamo avuto modo di approfondire l’argomento. Sappiamo che il vecchio si colpevolizza, ma perché? Sappiamo che si tratta di una fabbrica, di che tipo? Sappiamo che al funerale ci sarà la televisione… Ma cosa è successo e come è morto questo padre e marito e figlio, non ci è dato saperlo. E poi abbiamo il bambino, l’orfano. Nemmeno lui piange, ma si prepara a rilasciare un’intervista per fare colpo su una bambina che gli piace. Lui è la chiave emotiva. L’ingenuità del bambino che lo porta ad essere l’unico che riesce a confrontarsi sinceramente con la donna.

Non dimentichiamo infine il fratello del morto. Compare all’improvviso. Bello e dannato. Pronto ad uccidere il padre con una pistola. E anche qui il pubblico non viene informato dei fatti. Accennano problemi del passato. Quali? Chissà.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale Youtube

96 minuti un po’ lenti. Dove Mastandrea sceglie poche cose da dire, molte da mostrare. Ma la maturità registica non è ancora sufficiente ad una scelta così coraggiosa. Si alternano intuizioni interessanti (soprattutto nella sceneggiatura che merita il premio vinto e nei momenti musicali del montaggio), a inquadrature troppo lunghe che rallentano il ritmo e ti lasciano il tempo per notare gli orribili aggiustamenti di macchina o l’arredamento della stanza, piuttosto che continuare a seguire la storia.

Consiglio vivamente questo film a tutti quelli che hanno bisogno di sentimentalismi e cercano una storia che li faccia piangere. Avrete ottimi spunti (un lutto è sempre un lutto) e il tempo di riflettere sulla vostra esistenza.

Per finire una piccola nota di merito a Milena Vukotic che riporta in carreggiata il film. Peccato che la salutiamo in pochissimi minuti (tra l’altro con un espediente forse troppo brusco e affrettato).

 

Regia: Valerio Mastandrea
Interpreti: Chiara Martegiani, Arturo Marchetti, Renato Carpentieri, Stefano Dionisi, Milena Vukotic, Mattia Stramazzi, Walter Toschi, Giancarlo Porcacchia, Silvia Gallerano
Genere: Drammatico
Origine: Italia 2018
Soggetto: Valerio Mastandrea, Enrico Audenino
Sceneggiatura: Valerio Mastandrea, Enrico Audenino
Fotografia: Andrea Fastella
Musiche: Riccardo Sinigallia (musiche originali), Emiliano Di Meo (musiche originali)
Montaggio: Mauro Bonanni
Scenografia: Marta Maffucci
Costumi: Olivia Bellini
Suono: Gianluca Costamagna (presa diretta)
Durata: 95 minuti
Produzione: Simone Isola, Paolo Bogna per Kimerafilm, con RAI Cinema
Distribuzione: 01 Distribution

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Il ricordo di Domenico Modugno al Sala Teatro Segreto

“Un Sogno Così” dedicata a Domenico Modugno Al "Sala Teatro Segreto" sito nel quartiere Testaccio è andato in scena “Un

Read More...

L’intervista a Max Nardari regista del film “Di tutti i colori”

è un film romantico, ma divertente e corale Uscirà nelle sale il 18 luglio “Di tutti i colori” il film

Read More...

Nuovo brano per gli Statale 66

È una musica scritta per dare forza Loro sono gli Statale 66, in molti li hanno conosciuti grazie alla partecipazione

Read More...

Mobile Sliding Menu

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Privacy –   Cookie policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie