Recensione: Freddy aggiustatutto in scena al Teatro De’ Servi di Roma

In Recensioni

In scena al  Teatro de’ Servi di Roma la commedia “Freddy aggiustatutto” di Lorenzo Riopi e Tobia Rossi già vincitori della V edizione di “Una commedia in cerca di autore”, con la regia di Roberto Morfante.

La commedia, giovane e divertente, a tratti amara e graffiante, rappresenta in 2 atti il più mediocre tra i mondi televisivi: quello dei reality. Lo fa in modo caricaturale, ma non per questo, meno vero, capace di scostare l’attenzione di un umanità addormentata dal grigiore della propria vita, per focalizzarla su qualcosa per lei più emozionante, che le faccia sognare la fama e il successo (o più semplicemente la illuda).

Ecco  una tv che sembra voler  raccontare la vita reale, ma, non fa altro che creare, al contrario “maschere più finte del finto”.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale Youtube

Riopi e Rossi affermano “su questo paradosso abbiamo costruito la storia che fotografa un Italia dominata dalle ossessioni: denaro, popolarità, fama, aspetto fisico, il tutto giocando con il genere dinamitardo della commedia”.

La bravissima Alessandra Schiavoni e Giuseppe Cantori, rispettivamente Cora, manager affascinante e perfida e Giulio, direttore in cerca di format e di qualche avventura amorosa, rappresentano, vivono e alimentano, questo falso mondo, fino a dichiararlo con estrema consapevolezza, “una vera merda”.

Ma chi vive in questo mondo? Ecco i nostri più giovani attori che si trovano a con-viverci; Giulia Carpaneto, (Nadia) un’attrice brava e in gamba, sveglia e intelligente, costretta ad interpretare ruoli stereotipati e sexy, che la vogliono come lei non è,  e che la portano ad essere inquieta e delusa da questo mondo che la attrae, ma con il quale non trova un compromesso.

In modo del tutto diverso, Matteo Nicoletta, il protagonista Freddy, lo vive nella sua ingenuità, apprezza le facilitazioni ottenute dal successo, ma con il tempo non riuscirà più a sopportarle, perché proprio fama successo e denaro non gli regalano un grammo di felicità, a differenza della sua fidanzata, Alessia Punzo, Anna, che di amore felicità e … peso, ne dispensa al nostro protagonista in abbondanza

Anna, così fuori dagli stereotipi del mondo di oggi, da quel mondo finto se ne tiene alla larga, addirittura non possiede una tv e sa vedere la bellezza oltre il velo di ogni apparenza.

 Ed è proprio grazie ad Anna che le cose cambieranno; raccontando di quando era adolescente, dirà una frase memorabile, “non ti ho detto che sei bella, ti ho detto quanto sei diventata bella”.

Essere o apparire, da questo si crea un meraviglioso effetto a catena, che rovescia questa piccola real tv che finge di essere reale.

Un lieto fine degno della commedia, forse utopistico, ma che lascia agli spettatori la voglia di sognare e sperare.

Bravi gli attori, calati nel loro ruolo, in particolare, come già detto, Alessandra Schiavoni, perfetta SS, snob e stronza.

Non fatevi ingannare dal primo atto, un po’ lento, poi le cose cambiano!

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

DelirArte: puntata del 21 gennaio 2019

In diretta lunedì sera su Deliradio.it, dalle 20.30 alle 22.30, DelirArte, il programma ideato e condotto da Sissi Corrado.

Read More...

Alla ricerca de “Il metodo cinese”

Chi avesse deciso di passare una serata in tranquillità, godendo di una visione leggera e decisamente non sopra le

Read More...

Studio per uno spettacolo divertente sull’anoressia al Teatro Studio Uno di Roma

STUDIO PER UNO SPETTACOLO DIVERTENTE SULL'ANORESSIA di e con Carlotta Piraino e Sonia Scialanca dal 25 al 27 gennaio 2019 Teatro Studio Uno

Read More...

Mobile Sliding Menu