A Piacenza seminario su “Genitori reclusi, genitori comunque”

In Social News
immagine da web
immagine da web

A Piacenza il 10 dicembre 2013 si è tenuto un Seminario di studi sui genitori reclusi in cella e i loro figli, dal titolo “Genitori reclusi, genitori comunque”. Il seminario ha messo in evidenza, attraverso gli interventi di esperti e volontari del settore, le difficoltà di essere genitori stando all’interno del carcere, dove, in definitiva, le visite mensili dei propri figli sono ridimensionate a 6 ore mensili.

Il genitore che sta in carcere, sia esso padre o madre, è comunque una figura che in casa manca. Questo spesso è causa di un rapporto difficile da gestire e mantenere saldo a causa proprio dell’assenza fisica del genitore.

L’associazione di volontariato “Oltre il muro”, insieme all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, ha realizzato un progetto  che si chiama “Sala d’attesa” che comprende “Spazio giallo”, finanziato dal Fondo Speciale per il volontariato.

Nello “Spazio Giallo” il luogo, più che fisico è mentale. È il posto dove i bambini possono trascorrere il tempo prima di poter incontrare i genitori. Spesso, infatti, le attese sono lunghe anche delle ore non solo per l’ingresso per cui ci sono i momenti di controllo e perquisizione a cui vengono sottoposti tutti, anche i bambini, ma anche l’attesa per poter vedere i genitori.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale di Youtube

Nella stanza chiamata appunto “Spazio Giallo” i volontari cercano, con animazioni e giochi, di rendere meno penosa l’attesa dei familiari e divertente per i bambini la fase della perquisizione. Per i bambini la cosa è molto semplice, perché basta un giochino o una canzoncina per rimettere un po’ di allegria, più difficile è il coinvolgimento dei più grandi.

Resta comunque un progetto innovativo e di grande utilità che serve a chi va a trovare i familiari in carcere e non è costretto ad attendere in una di quelle stanze scure e senza anima, ma si ritrova in una colorata e con delle persone qualificate a far compagnia.

Un impegno che i volontari hanno preso per rendere meno triste e pesante la lunga attesa degli incontri familiari con i detenuti.

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

CARA PROFESSORESSA e PRESTAZIONI STRAORDINARIE al Teatro dei Servi di Roma

  dal 26 al 28 novembre 2018 CARA PROFESSORESSA   scritto da Ljudmila Razumovskaja traduzione Valerio Piccolo adattamento Francesca Zanni   con Giovanna Centamore, Giovanni Nasta, Valerio Ribeca, Giuseppe Vancheri, Francesca Verrelli regia Andrea

Read More...

Uomini che non odiano le donne al Teatro Storchi di Modena

Domenica 25 novembre, ore 17.00 Teatro Storchi Largo Garibaldi, 15 - Modena     Uomini che non odiano le donne un’idea Loredana Lipperini con

Read More...

Tour Music Fest – The European Music Contest a Roma

La nuova musica europea si incontra a Roma con Tour Music Fest – The European Music Contest il più grande concorso europeo

Read More...

Mobile Sliding Menu