Parole di moda

In Moda

Tacco chunky, fashion designer, pussy bow blouse, slim fit, over size, must-have, nude look, open toe, clutch, jorts, double denim, geek chic, lilac grey, strapless, skinny e potrei continuare ancora riempendo pagine intere. Sono parole di moda, quelle che se non le conosci o non le mastichi parlando sei fuori tendenza, anzi sei out.

Per sentirle non devi andare a Londra o NewYork, ma se vai a Milano per la settimana della Moda, anche il tassinaro si prepara per l’occasione per non essere meno a tutti gli ospiti internazionali.

E mi sta bene. Se devo comunicare con il mondo, uso una terminologia, un linguaggio universale. Ma se abito a Settebagni, o se devo acquistare in un negozio di viale Libia, perché devo usare questi termini? Come sappiamo la moda è nata in Italia, in Francia si sono allineati quasi contemporaneamente, ma lo stile, i tagli, i tessuti, sono roba nostra.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale Youtube

Quindi perché non accaparrarsi il prestigio dell’appartenenza, l’orgoglio tutto nostro dei nostri termini. Il falpalà, l’aggrappatura, il pantalone a sigaretta, orlo a birillino,  il semi vita, i cugni, l’imbastitura, il capo destrutturato, la gonna a campana, la camicia scozzese, il pantalone alla  zuava, e ancora e ancora.

Ci sentiamo fighi se sproloquiamo in inglese e poi magari siamo vestiti da schifo, ci limitiamo ad essere ‘fashion’ nelle apparenze, dei contenuti non ce ne frega una mazza (‘bat’).

Ed è bellissimo, non so se vi è mai capitato, che l’interlocutore ha la capacità di farvi sentire  una ‘shit’ se quando a raffica vi elenca tutto il fashion vocabolary e voi non capite un fico secco.

Ma magari voi siete lì con la vostra grazia ed eleganza indossando un gessato blu di fresco lana e l’altro chiacchierone ha una t-shirt purple oversize di popeline, con la scritta ‘i am the new one’.

Si lo so, sono fuori moda, con le parole sicuramente, ma la stessa la conosco talmente bene che la faccio parlare con le sue forme, i suoi colori, le sue proporzioni, i suoi tessuti.

Dicono di più  su un’epoca le parole che non si usano più, che le parole che si abusano’  Stanislaw Jerzy Lec

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Recensione: Le notti bianche regia di Francesco Giuffrè

Il Teatro Ghione porta in scena “Le notti bianche” di Fëdor Dostoevskij, con Giorgio Marchesi, Camilla Diana con adattamento

Read More...

Recensione: NOTE DI CIOCCOLATA di Paolo Triestino e Giovanni Baglioni

Andrà in scena fino a domenica 17 Febbraio al Teatro Flaiano "Note di cioccolato", uno spettacolo che intrattiene: il tema

Read More...

CALL CENTER 3.0 al TEATRO DEI SERVI di Roma

                   MAURO ATTURO                         NICOLA CANONICO                per Problem Solving           &            per Good Mood Presentano CALL CENTER 3.0 Scritto e diretto da Roberto D’Alessandro   Con Franco

Read More...

Mobile Sliding Menu