Paolo Triestino, protagonista di “Eppur mi son scordato di me” al Marconi Teatro Festival

In Recensioni

Paolo Triestino è il protagonista assoluto dello spettacolo “Eppur mi son scordato di me”, scritto da Gianni Clementi e andato in scena al Marconi Teatro Festival di Roma.

Antonio racconta la sua storia, tra passato, presente, ricordi e avvenimenti, incrociandola con la musica di Lucio Battisti, il cantautore italiano, che ha emozionato negli anni ‘60/’70, coinvolgendo un’intera generazione. Tra questi anche Antonio, la cui vita sembra sottilmente legata a quella del cantante, o meglio, a quella delle sue canzoni. Non a caso la ragazza che gli piace da ragazzo e che poi sposerà si chiama Francesca, lui stesso ama andare in moto ma soprattutto ama la musica di Battisti. Quest’ultimo punto è un contraddittorio, poiché la sua è una vita legata ai giovani attivi di sinistra che vedono malevolmente la figura del giovane cantante.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale di Youtube

la vita di Antonio è contradditoria da giovane, ma continuerà ad esserlo e questa continuerà a essere appassionata, difficile, impegnativa, seguita sempre, però, dalla sua colonna sonora preferita, rappresentata da Lucio Battisti. Fino a quando si dimenticherà di sé, di com’è e di cosa ama: non a caso il titolo recita ”Eppur mi son scordato di me”. Mentre questi ricordi gli appaiono sparsi nella mente, o vengono riportati a galla da amici e parenti, lui cercherà l’Antonio del liceo, il ragazzo pieno di entusiasmo e fortemente legato all’amore per la musica di Battisti, tra rimpianti e scelte sbagliate.

Paolo Triestino porta in scena un personaggio complicato, che in alcuni punti è difficile da seguire, per cui diventa fondamentale ascoltare ragionando. Nel complesso è uno spettacolo che ha momenti divertenti dove l’attore mostra le sue grandi abilità e sfaccettature, rappresentando vari personaggi. Il tutto accompagnato da una musica che riporta indietro gli spettatori alla loro giovinezza, o permette di ripercorrere, anche se poco, la vita e i momenti degli anni ‘60/‘70, tra lotte studentesche, la morte di Kennedy, la vita dei personaggi della tv o del cinema dell’epoca, le sensazioni, le emozioni. Triestino si aggira sul palco padrone non solo del testo, ma anche del palco, su cui muove panche, chitarra e spazio a suo piacimento dove le luci giocano con la parete ruvida alle spalle che fa da sfondo per le proiezioni, cimentandosi con estrema bravura, anche nel canto. Pregevole la visione di spezzoni video in bianco e nero che raccontano la vita di quegli anni, insieme alla vita di Antonio.

Accetta i cookie di YouTube per riprodurre questo video. Accettando l’utente accederai ai contenuti di YouTube, un servizio fornito da terze parti esterne.

Informativa sulla privacy di YouTube

Se accetti questo avviso, la tua scelta verrà salvata e la pagina verrà aggiornata.

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

L’incanto di EsotericArte alla Sala Umberto

Si può fare uno spettacolo con matematica e filosofia mettendoci in mezzo anche del latino? Si, si può fare.

Read More...

IV Edizione IveliseCineFestival

  IV Edizione IveliseCineFestival Programma   PROIEZIONI – giovedì 29 novembre 2018   Teatro Ivelise      dalle ore 17,00 alle ore 22,30 - con Giuria Popolare   (Ingresso

Read More...

CARA PROFESSORESSA e PRESTAZIONI STRAORDINARIE al Teatro dei Servi di Roma

  dal 26 al 28 novembre 2018 CARA PROFESSORESSA   scritto da Ljudmila Razumovskaja traduzione Valerio Piccolo adattamento Francesca Zanni   con Giovanna Centamore, Giovanni Nasta, Valerio Ribeca, Giuseppe Vancheri, Francesca Verrelli regia Andrea

Read More...

Mobile Sliding Menu