“Non ti fissare Tu chiamale se vuoi ossessioni” al Teatro Trastevere

In Eventi in Teatro
Immagine Ufficio Stampa

Avviso ai Soci

L’Associazione Culturale Teatro Trastevere

presenta

NON TI FISSARE

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale Youtube

TU CHIAMALE SE VUOI OSSESSIONI

di Maria Antonia Fama e Lorenzo Misuraca

Dagli autori di “Cuori Monolocali”,

“Sessolosé” e “Appese a un filo”

regia di Velia Viti

Dal 23 marzo al 2 aprile 2017

Teatro Trastevere

via Jacopa de’ Settesoli, 3

martedì-sabato h 21.00,

domenica h 17.30

con: Alessandro Di Somma, Maria Antonia Fama,

Ermenegildo Marciante, Lidia Miceli, Francesco Bonaccorso

Aiuto Regia: Teresa Fama

Locandina: Martoz

Scene: Paolo Carbone

Video: Alessandro Felici

“Tutto il problema della vita è questo: come rompere la propria solitudine, come comunicare con gli altri.”

Cesare Pavese

Debutta in prima assoluta al Teatro Trastevere il nuovo lavoro della compagnia “Come risolvere in 2” che dopo i successi di “Cuori Monolocali”, “Sessolosé” e “Appese a un filo” torna in scena dal 23 marzo al 2 aprile con “Non ti fissare. Tu chiamale se vuoi ossessioni”, nuovo esilarante  spettacolo sulle compulsioni, manie e stranezze che più meno consapevolmente riguardano ognuno di noi.

Protagonisti di questa originale ed irriverente commedia ambientata in un’area di sosta di una non identificata autostrada, il consolidato ed affiatato gruppo formato da Alessandro Di Somma, Maria Antonia Fama, Ermenegildo Marciante e i nuovi interpreti Lidia Miceli e Francesco Bonaccorso. Un cast di bravissimi attori diretti dalla giovane regista Velia Viti, coadiuvata alle scene da Paolo Carbone scenografo tra i più apprezzati del panorama romano (vincitore del Premio Cerami 2015), portano in scena con sottile umorismo l’universo irrazionale e tragicomico delle ossessioni.

Debolezze imbarazzanti, strane fissazioni e segreti inconfessabili: amici immaginari, gesti scaramantici, l’ossessione per il lavoro, per il sesso o per i social network, il terrore della solitudine o quello di ammalarsi.

Frizzante ed ironico “Non ti fissare. Tu chiamale se vuoi ossessioni” strizza l’occhio alle commedie inglesi di Nick Hornby e alle atmosfere surreali della comedy americana, brillantemente scritto a quattro mani dal collaudato duo Maria Antonia Fama e Lorenzo Misuraca, due giovani autori che in questo nuovo allestimento si divertono a mettere in luce i lati più nascosti della nostra generazione.

In scena un autista ipocondriaco, una donna sola, un erotomane, una workaholic, un iperconnesso. Una meta da raggiungere. Un guasto da riparare. Cinque personaggi costretti a condividere una lunga notte nel bel mezzo del nulla. Ognuno reagirà in maniera diversa all’imprevisto, ma l’incontro tra cinque menti stra-ordinarie darà vita a situazioni altrettanto inaspettate, dai risvolti esilaranti, in un mix tragicomico sempre pronto ad esplodere.

Paure, ansie, paranoie, paturnie, ossessioni, compulsioni, fisse, manie, fobie, ognuno ha le sue  “Non ti fissare” le porta in scena con ironia pungente, sarcasmo e un pizzico di sentimento per sdrammatizzarle, riconoscerle e riderci su. 

Teatro Trastevere, via Jacopa de Settesoli 3, 00153 Roma

martedì-sabato h 21.00, domenica h 17.30 contatti: tel: 06.5814004

Ufficio Stampa TEATRO TRASTEVERE:

Vania Lai prom.trastevere@gmail.com 3388940447

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Mostra 2RC

La Galleria Nazionale Impronte dell’Arte 2RC 1963-2018

queste matrici sono effettivamente materiche a tal punto da sembrare addirittura bassorilievi E’ stata inaugurata il 15 Aprile e durerà

Read More...

CS DAL 2 AL 5 E DAL 9 AL 12 MAGGIO 2019 TEATRO ARGOT STUDIO

DAL 2 AL 5 E DAL 9 AL 12 MAGGIO 2019  TEATRO ARGOT STUDIO - ARGOT PRODUZIONI - DOMINIO PUBBLICO presentano  OVER  EMERGENZE TEATRALI rassegna di giovani talenti + 25  Il

Read More...
ERGO SUM

CS “ERGO SUM”DI VALERIO POLICI alla Galleria del Cembalo

“ERGO SUM” DI  VALERIO POLICI     alla GALLERIA DEL CEMBALO  dal 18 aprile al 24 maggio 2019 La città distrutta e la città sotterranea: Alessio

Read More...

Mobile Sliding Menu