Ministero italiano offre lavoro a tempo determinato totalmente gratuito

In Social News
immagine da web
immagine da web

In Italia il lavoro c’è, e ce n’è tanto, anche al Ministero, solo che è gratuito, non va pagato. Lo avevamo detto già qualche tempo fa, in occasione di un bando ministeriale rivolto agli artisti e lo ribadiamo adesso, ancora una volta, in occasione di un bando pubblico, statale, che il Governo Renzi ha pubblicato in questi giorni.

È del Ministero dell’Interno. La figura ricercata è quella di un giornalista con incarico di attività di comunicazione. Il bando recita: “procedura comparativa per il conferimento a titolo gratuito di incarico di prestazione di lavoro autonomo occasionale per lo svolgimento delle attività di comunicazione per le esigenze della direzione centrale e per il dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione“. Insomma, un lavoro “non pagato” offerto direttamente da chi, costituzionalmente, dovrebbe evitare che ci siano forme di lavoro gratuite, visto che si parla di lavoro e non di hobby e che nessuno vive d’aria.

Eppure il lavoro offerto gratuitamente richiede una persona d’esperienza e con molti compiti da svolgere, compiti che per essere svolti, hanno bisogno di tempo pratico e non di una figura che svolga queste mansioni per hobby.

La polemica monta immediatamente sul web e il lavoro 2.0 non piace ai giovani e nemmeno a chi sostiene da sempre il job act di Renzi, soprattutto se questo continuerà a mantenere viva la legittimazione del lavoro gratuito. Nei paesi occidentali, il volontariato, è un altro modo per lavorare, nel senso che i volontari vengono pagati per offrire dei servizi gratuiti a terze persone. In Italia il volontariato è totalmente gratuito, non prevede nemmeno i rimborsi spese e i volontari sono consci che quello che stanno offrendo è una parte del loro tempo libero, che non gli consentirà di pagare le spese, figuriamoci di mantenere una famiglia. Ma quello è volontariato. Il lavoro è un’altra cosa e un Ministero, un pubblico esercizio, non può assolutamente offrire lavoro non pagato, perché in questo caso, sarebbero legittimati tutti a offrire un lavoro senza paga, e allora, che lavoro sarebbe?

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale Youtube

Capisco che si tratta di comunicazione, di parole, di qualcosa che non produce qualcosa da vendere o acquistabile, ma è pur sempre lavoro, per di più richiesto a dei professionisti, visto che si parla di giornalisti professionisti e non pubblicisti. In questo caso, allora, visto che si tratta di parole, di dialettica, potremmo chiedere ai nostri eletti, deputati e senatori, di fare il loro “mestiere” gratuitamente, come si faceva in passato, prima dell’avvento della Repubblica, perché era considerato un onore poter servire la patria. Quando anche loro lavoreranno per i cittadini gratuitamente, si potrebbero accettare anche lavori gratuiti per i Ministeri, ma adesso, in questo periodo di crisi reale per i cittadini, offrire un lavoro gratis è davvero una vera indecenza soprattutto perché offerto da chi si autostipendia con i soldi delle tasse e in modo ingannevole.

Se poi l’intento è di screditare il lavoro dei giornalisti, in modo da tener sotto controllo anche chi si occupa di informazione, allora il discorso prende davvero una brutta piega. E se fosse un espediente per evitare che si possa porre limiti allo stipendio, i cui rimborsi spese sono a discrezione del datore di lavoro, la cosa sarebbe ancora pessima. Diciamoci la verità, il governo sta facendo acqua da tutte le parti.

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Al Teatro Palladium di Roma I Sillabari di Goffredo Parisi: Età…. con Edoardo Siravo

Capita spesso di sentire dire che è più facile ripercorrere la propria vita o perlomeno i momenti più importanti,

Read More...

Ritorna al Teatro Marconi di Roma La parrucchiera dell’imperatrice

  La parrucchiera dell'imperatrice. Ossia la vera storia della Principessa Sissi Di Franca De Angelis Regia Anna Cianca Con Tiziana Sensi  21 gennaio Il

Read More...

Coco Chanel: pioniera controcorrente

Oggi vi voglio parlare di un personaggio della moda a me cara, un personaggio che la Moda l’ha creata

Read More...

Mobile Sliding Menu