Mi chiamo Andrea, faccio fumetti all’ITC TEATRO DI SAN LAZZARO di Savena

In Eventi in Teatro

UFFICIO STAMPA | JESSICA BRUNI  GIULIA POMPILI ufficiostampa@teatrodellargine.org

 

AGLI ORGANI DI INFORMAZIONE

LORO SEDI

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale Youtube

COMUNICATO STAMPA

 

Da giovedì 13 a sabato 15 dicembre 2018 ore 21.00

Domenica 16 dicembre 2018 ore 16.30

 

ITC TEATRO DI SAN LAZZARO

via Rimembranze, 26 – San Lazzaro di Savena (BO) | 051.6270150

info@teatrodellargine.org | biglietteria@itcteatro.it | www.teatrodellargine.org | www.itcteatro.it

 

Teatro dell’Argine

 

Mi chiamo Andrea, faccio fumetti

 

di Christian Poli

con Andrea Santonastaso

regia Nicola Bonazzi

 

                Da venerdì 13 a domenica 16 dicembre (giovedì, venerdì e sabato ore 21.00 – domenica ore 16.30) sul palco dell’ITC Teatro Mi chiamo Andrea, faccio fumetti la nuova produzione del Teatro dell’Argine con Andrea Santonastaso, testo di Christian Poli e regia di Nicola Bonazzi.

               

Mi chiamo Andrea, faccio fumetti è una biografia, ma non è una biografia. È un monologo disegnato. È un omaggio che non vuole omaggiare nessuno. È una dichiarazione di resa di fronte alle sentenze perentorie del destino. È l’ennesima constatazione di un Salieri di fronte ad un Mozart.  Andrea Santonastaso, attore oggi, disegnatore di fumetti una volta, racconta, attraverso le parole scritte da Christian Poli, l’arte del più grande disegnatore di fumetti (e non solo, anche pittore, autore, poeta e chi più ne ha…) che il nostro paese abbia avuto: Andrea Pazienza. Lo fa dichiarando la sua impotenza di fronte al talento immenso di questo istrione dei pennelli (ma anche dei pennarelli, delle matite, dei gessetti e chi più ne ha…). Lo fa dichiarando la sua inferiorità, ma anche la sua rabbia di fronte allo spreco cosciente e quasi premeditato di tanta arte pura in nome della follia di “un buco”. Lo fa raccontando Pentothal, Zanardi, Pertini… Lo fa entrando “dentro” a Gli ultimi giorni di Pompeo, soprattutto. E, infine, lo fa disegnando in scena e onorando indegnamente (o tentando di farlo) colui che è stato “il più grande disegnatore vivente”.

 

Andrea Santonastaso è nato a Bologna, vive a Vignola, ha studiato con Igort, Iori, Cavazzano, poi ha deciso di fare l’attore. Recita dal ’93.

Christian Poli è nato a Bologna dove vive. Scrive, scrive, scrive. Per il cinema, per la pubblicità, per la fiction. Collabora con la Bottega di Narrazione Finzioni fondata da Carlo Lucarelli.

Entrambi hanno amato, amano ed ameranno per sempre follemente l’Arte di Andrea Pazienza.

Il Teatro dell’Argine ha deciso da subito di sposare il progetto di Andrea Santonastaso, poiché, nell’intreccio di storia sociale e biografica che lo spettacolo realizza, ha ritrovato le ragioni della propria poetica, e di un percorso spesso volto allo scandaglio di figure e temi di un passato recente in grado di parlare alla sensibilità contemporanea.

 

«Settanta minuti di pura poesia: si potrebbe condensare con queste parole il bellissimo omaggio che Andrea Santonastaso (un nome, una garanzia) ha dedicato ad Andrea Pazienza. […] Solo l’artista bolognese poteva allestire una simile pièce poiché oltre ad essere un bravo attore è anche un ottimo disegnatore ed un omaggio al “magnetico giocoliere che raccontava l’universo su fogli pieni di segni e di segnali sulla nostra epoca” andava fatto – anche – disegnando bene dal vivo. […] La drammaturgia, scritta egregiamente da Christian Poli, intreccia in modo garbato e filologico – pur nella diversità di età dei protagonisti – la vita dei due Andrea fino a quell’unico incontro avvenuto qualche mese prima della scomparsa del genio sambenedettese. […] Mi chiamo Andrea, faccio fumetti (produzione del Teatro dell’Argine di Bologna, regia di Nicola Bonazzi) girerà l’Italia e, siamo convinti, ovunque sarà accolto e apprezzato – come successo ieri a Grottammare – da un’ovazione finale con quasi cinque minuti di applausi» (Michele Rossi – TM Notizie). 

 

Con questo spettacolo si rinnova l’iniziativa Teatro da guardare Teatro da leggere. Invito a teatro con sovratitoli, in collaborazione con l’associazione audiolesi AGFA/FIADDA. Per consentire la fruizione di eventi teatrali anche a chi non sente, venerdì 14 dicembre Mi chiamo Andrea, faccio fumetti verrà sovratitolato.

 

Sabato 15 prima dello spettacolo, alle 19.30, Aperitivo con il critico: una serie di incontri con esperti e critici teatrali per approfondire gli spettacoli sorseggiando un aperitivo sul Teatrobus, un’occasione di confronto per guardare il teatro con uno sguardo più consapevole. L’appuntamento di sabato 15 dicembre è curato da Francesco Gualdi, esperto di fumetti e studioso di Andrea Pazienza.

 

Sabato 15, a seguire, incontro con la Compagnia.

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Recensione: Le notti bianche regia di Francesco Giuffrè

Il Teatro Ghione porta in scena “Le notti bianche” di Fëdor Dostoevskij, con Giorgio Marchesi, Camilla Diana con adattamento

Read More...

Recensione: NOTE DI CIOCCOLATA di Paolo Triestino e Giovanni Baglioni

Andrà in scena fino a domenica 17 Febbraio al Teatro Flaiano "Note di cioccolato", uno spettacolo che intrattiene: il tema

Read More...

CALL CENTER 3.0 al TEATRO DEI SERVI di Roma

                   MAURO ATTURO                         NICOLA CANONICO                per Problem Solving           &            per Good Mood Presentano CALL CENTER 3.0 Scritto e diretto da Roberto D’Alessandro   Con Franco

Read More...

Mobile Sliding Menu