Informativa sui Cookie

“Era meglio se facevo l’attore” al Teatro Studio Uno di Roma

In Eventi in Teatro

Era meglio se facevo l’attore

di e con Andrea Onori

 

Consulenza artistica Mariagrazia Torbidoni

Produzione Virgolatreperiodico

 Dal 18 al 21 gennaio 2018

Teatro Studio Uno via Carlo della Rocca, 6  Roma

 

 

Debutta al Teatro Studio Uno in prima assoluta dal 18 al 21 gennaio “Era meglio se facevo l’attore”, di e con Andrea Onori, uno spettacolo che attraversando l’opera dell’Amleto ne sonda le problematiche esistenziali, lavorative, personali e affettive.

Fare l’Amleto è il problema di molti attori, ma qual è il problema di Amleto? Un attore solo in scena, si confronta con le voci dei personaggi dell’opera shakespeariana Claudio, Polonio, Gertude, parole che sfuggono da una parte e dall’altra, ronzano attorno, spiano l’attore Amleto e ci scommettono contro. Cominciano a prepararsi, meticolosi e ghignanti, puntuali come un’apparizione. Spolverano le coppe, aggiustano la punta ai fioretti, ripassano a bassa voce la parte. Yorick si allena alle capriole, Ofelia allo specchio distingue il languore dalla malinconia.

Fanno sul serio? Un rintocco e gli stivali di Bernardo e Marcello sono già sugli spalti, incollati ai bastioni come il fiato è incollato alla notte, squittisce di angoscia e terrore.  Tutto è pronto, ancora una volta e per sempre. Si deve fare, silenzio. Affidarsi allo scheletro della troppo, troppo solida opera per gettare lo sguardo più in là.

 

L’attore e Amleto, aspirante tale. I due si guardano, ma non si riconoscono. Devono fare qualcosa, ma non sanno da dove iniziare

Aspettano. “L’Adanimarca” oggi non è il migliore dei mondi possibili. Non tanto per la guerra, ma perché nessuno prende le cose sul serio.

Servi e padroni non combattono più: vanno a banchetto insieme, ai meritevoli è chiesto di farsi da parte, mentre assassini e bugiardi siedono sullo scranno più alto.

 

E chi a fatica riesce a conquistare il suo guscio d’uovo passa il tempo a volerlo difendere, guardando chiunque si avvicini con sospetto e terrore.

Solo a teatro le cose sembrano andare bene. Per questo tutti vogliono fare gli attori.

 

 “Era meglio se facevo l’attore” | 18 – 21  Gennaio 2018| Sala Teatro

Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).

Ingr. 12 euro. Tessera associativa gratuita
Giov – Sab ore 21.00, Dom. ore 18.00


PRENOTAZIONI 
http://j.mp/prenotaTS1

Per info: 349 4356219- 329 8027943

www.teatrostudiouno.com  – info.teatrostudiouno@gmail.com

 

You may also read!

Recensione: La bisbetica domata al Teatro Anfitrione di Roma

Portare in scena la “Bisbetica domata” di William Shakespeare è sempre una sfida, perché il testo è stato visto,

Read More...

Presentazione del volume “Salvatore Cuschera. Sculture 1990 – 2016” a cura di Giuseppe Appella

Presentazione del volume “Salvatore Cuschera. Sculture 1990 - 2016” a cura di Giuseppe Appella   mercoledì 21 febbraio 2018 ore 18.00 Sala delle

Read More...

“LA BANDA” al Barnum di Roma

Presenta Federico Perrotta in “LA BANDA” (Swing, Twist, Mambo e Carri armati) di Pierpaolo Palladino      con  Vincenzo Meloccaro   e con l'Orchestra Giovanile Monteverdi diretta dal Maestro

Read More...

Leave a reply:

Your email address will not be published.

10 + 1 =

Mobile Sliding Menu