Pubblicato il: 11 Agosto 2018

L’Italia in scena nel finale del Marconi Teatro Festival

In Recensioni

L’ultimo spettacolo del Marconi Teatro Festival sembra fatto apposta per il Teatro Marconi. Chi frequenta questo teatro, infatti, conosce bene la vocazione di Felice Della Corte, che, prima dell’inizio di ogni spettacolo, canta, insieme agli spettatori, l’Inno Italiano, un minuto con cui condivide questo momento con il pubblico.

Ebbene, quest’anno lo spettacolo finale è stato “La storia d’Itaglia”, una pièce teatrale che racconta alcuni episodi della storia d’Italia che una professoressa molto esigente, fa rappresentare a tre genitori di altrettanti suoi studenti.

Quest’impegno è l’occasione per riscoprire la storia italiana per i padri, i quali, per amore del palcoscenico, rinventano anche alcuni episodi, ma è anche l’occasione per riflettere sul loro ruolo di genitori. Tre uomini dal carattere e dalla vita molto diversa, che si confrontano tra loro, cercando di comprendere cosa sia giusto o sbagliato, cosa fare o non fare nei confronti dei propri figli.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale Youtube

In questo confronto interviene anche la professoressa, decisa a non lasciarsi sfuggire l’occasione di presentare e spalleggiare le sue idee, raccontando anche le sue esperienze genitoriali.

Tra gag, divertimento, riflessione lo spettacolo permette di rilassarsi, regalando tanta ironia al pubblico che apprezza non solo il testo, scritto da Alessandro Tirocchi, Maurizio Paniconi, Claudio Pallottini, ma anche l’interpretazione dei quattro attori: Daniele Derogatis, Valeria Monetti, Maurizio Paniconi, Alessandro Tirocchi, che regalano risate. Sarà anche che due dei tre autori sono interpreti del testo e sono pienamente consapevoli di quello che vogliono esprimere al pubblico? Può essere, ma dobbiamo complimentarci con loro per ciò che hanno scritto.

I personaggi in scena litigano, si raccontano, si presentano, in questa preparazione dello spettacolo, che, per svariati motivi, rischia anche di non andare in scena.

La determinazione dell’insegnante, interpretata dalla Monetti, la passione per la musica di uno dei genitori, interpretato da Tirocchi, la stasi interpretata da Paniconi, e la magnetica figura di Derogratis, sono tutti spunti che accompagnano questo spettacolo davvero interessante.

Ricca di particolari è la scenografia che parla, in ogni angolo, di storia italiana, come lo fanno i costumi, che nel finale sono splendidi.

Il successo dello spettacolo è dato anche dalla regia di Marco Simeoli che attua ritmi serrati sulla scena, rendendo divertenti e attivi anche i momenti di cambi scena.

Adeguate al racconto anche le scelte musicali, che accompagnano lo spettacolo, con il gran finale dove “L’ Italiano” e l’”Inno d’Italia” diventano un modo coinvolgente per concludere una parte della storia italiana.

Sicuramente un’ottima scelta per il Marconi Teatro Festival!

Guarda le foto dello spettacolo


Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Nel capoluogo partenopeo la rassegna Mamma Napoli

Rassegna Teatrale Mamma Napoli L’estate napoletana presenta la Rassegna Teatrale Mamma Napoli, presso il Complesso Monumentale del Chiostro di San

Read More...
Collateral Identity

A Trani la mostra Collateral Identity sull’identità

mettere ordine nel caos dell’identità Sabato 24 agosto sarà inaugurata a Trani, presso la saletta delle esposizioni di Palazzo Palmieri,

Read More...
teatro caesar

Assegnato il Premio Caesar alla carriera 2019

Premio Caesar alla carriera Sesto anno per il Premio Caesar alla carriera che viene assegnato ad artisti che si sono

Read More...

Mobile Sliding Menu

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Privacy –   Cookie policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie