Le tate son tornate, viva le tate!

In Recensioni
Volantino
immagine da web

Le tate son tornate, viva le tate, sembra dire Alessandra Panelli. Son tornate le tate a riempire le giornate dei propri pargoli. Non potendo effettivamente, farlo davvero, Alessandra Panelli, ha voluto far rivivere le tate della sua infanzia, in un testo che ne spiegasse, in forma divertente e riflessiva gli anni del passato della sua famiglia, accompagnate dalle diverse tate dei suoi ricordi.

Ecco allora emergere tra ricordi e scritti scenici, tre tate diverse, a cui vengono affidate tre bambine differenti, con altrettante famiglie, madri, padri, nonne: diverse nello stile familiare e sociale. Non due mondi che si incontrano e convivono, ma più mondi che si adattano a condividere non solo le affinità sociali, ma anche quelle umane.

In scena tre attrici: Barbara Porta, Costanza Castracane, Sofia Diaz, che impersonano, ognuna, tre personaggi: una tata, una bambina, una nonna. La nonna che incombe sulla vita della bambina e sul rapporto con la tata nello stesso modo in cui la sua presenza incombe sulla famiglia. Ecco allora la nonna svampita, o quella amante della cultura, passando per la nonna che è religiosissima e che vede i suoi diritti e doveri legati alla Chiesa e ai suoi rappresentanti.

In un susseguirsi di ricordi e scene che ne evidenziano le capacità mentali delle tate nel sopperire alle assenze dei genitori o alle mancanze delle nonne, si torna a ridere e riflettere con le tate, che vedono il mondo e il rapporto con i bambini in modo molto più veritiero dei familiari e che riescono a sminuire e proteggere dai duri conflitti generazionali che spesso popolano le famiglie.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale di Youtube

Pazienti, generose, ricche di affetto e ironiche, le tate non si lasciano influenzare dalla loro posizione sociale e donano alle loro piccole bambine, gioie e momenti che serberanno per sempre nel proprio cuore e che saranno i ricordi fondamentali che scambieranno una volta divenute adulte.

Tre artiste bravissime e convincenti che portano in scena nove personaggi, tutti molto differenti tra loro, ma che trovano una convivenza naturale, perchè sono proprio le nostre differenze che uniscono e fanno crescere.

“Le tate” in scena al Teatro Due di Roma fino al 26 aprile 2015 da con Barbara Porta, Costanza Castracane, Sofia Diaz, diretti da Alessandra Panelli, la quale ha scritto anche il testo, mentre le videografie sono di Marco Schiavoni, i brani musicali di Poulenc, Scarlatti e Mozart, che accompagnano alcune delle scene dello spettacolo sono interpretati dal pianista Marcelle Meyer.

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Storie del dormiveglia… margini numinosi (per chi ha orecchie e occhi attrezzati a ricevere)

Abbiamo assistito alla proiezione del film Storie del Dormiveglia di Luca Magi alla Cineteca di Bologna Sala Cervi. Il

Read More...

Les Fourberies de Scapin di Molière 19-20 nov. h 21 – Vascello dei piccoli Bella e la bestia dal 25 nov. al 15 dic. Teatro Vascello Roma

Teatro Vascello roma Via Giacinto Carini 78 065898031 – 065881021 prezzi 20 euro intero- 15 e 12 euro ridotto 19

Read More...

IL VANGELO DI TIJUANA Teatro Trastevere di Roma

Comunicato Stampa Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta   IL VANGELO DI TIJUANA ideato e scritto da Gianluca Giaquinto   Regia di Riccardo Maggi   dal 27 Novembre al

Read More...

Mobile Sliding Menu