La foto del carabiniere, un ricordo commovente di Salvo D’Acquisto

In Recensioni

In scena al Teatro Marconi di Roma, per il Marconi Teatro Festival, uno spettacolo intenso, emozionante, “La foto del Carabiniere“, di e con Claudio Boccaccini.

Lo spettacolo vuole ricordare la figura dell’eroe italiano, Salvo D’Acquisto che, alle porte di Roma, quando era carabiniere e durante la seconda guerra mondiale, si offrì ai tedeschi per salvare 22 cittadini italiani, condannati a morte dall’esercito tedesco. Una storia, la sua, che ha commosso l’Italia, rendendo la figura del giovane carabiniere, un simbolo di coraggio e valore.

Boccacini racconta la storia che suo padre Tarquinio, dopo molte insistenze, raccontò a lui. L’uomo infatti, conosceva davvero il coraggioso carabiniere napoletano, schivo, ricco di valori e amore per gli altri e come 21 uomini, doveva la propria vita a D’Acquisto.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale di Youtube

Il racconto inizia da una fotografia che per caso viene ritrovata all’interno di una patente, quella del papà. Da qui i racconti della giovinezza e spensieratezza di un bambino degli anni ’60 che vede, osserva e scopre un importante ricordo che il padre conserva nel cuore e che porta un nome importante: Salvo D’Acquisto. Insieme a quella scoperta, viene narrata anche la vita tranquilla di una famiglia spensierata, quell’autore, con eventi dolci, divertenti, che raccontano anche di un periodo italiano.

La storia è di quelle vere che emozionano e raccontano di amicizia, nata a Palidoro dove il giovane napoletano prestava servizio e dove trovò la morte. E anche qui si passa da serate spensierate fino all’armistizio e alla ferocia delle SS contro gli italiani.

Lo spettacolo comincia in modo divertente, rilassante, fino a quando, il racconto si sposta sulla figura del carabiniere e sul suo ultimo giorno di vita arrivando a raccontare la tragicità di un momento storico che commuove lo spettatore. Ed è un ricordo fatto anche di gratitudine, quello espresso da Tarquinio, perché grazie al coraggio del giovane carabiniere, 22 famiglie poterono riabbracciare i loro cari, formando anche delle nuove famiglie, come la sua.

L’insegnamento che il padre lascia a suo figlio è racchiuso in una frase: “I gesti contano più delle parole” che ripete infatti nel testo, narrando le vicende passate. Il tutto è raccontato con affascinante incanto da parte di un attore che ha a disposizione un testo instancabile e un’interpretazione perfetta.

La scenografia ha pochi essenziali punti di riferimento, un attaccapanni e un tavolo con due sedie, che non sono mai utilizzati dall’attore, tranne che per pochi istanti, perché la concentrazione resta fissa sulla figura parlante che si muove sul palco. Lo spettacolo è accompagnato anche da piccoli intermezzi musicali che raccontano i momenti storici portati sulla scena. Un testo e uno spettacolo sicuramente impeccabile e molto sentito che lascia allo spettatore più di un’emozione.

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

L’incanto di EsotericArte alla Sala Umberto

Si può fare uno spettacolo con matematica e filosofia mettendoci in mezzo anche del latino? Si, si può fare.

Read More...

IV Edizione IveliseCineFestival

  IV Edizione IveliseCineFestival Programma   PROIEZIONI – giovedì 29 novembre 2018   Teatro Ivelise      dalle ore 17,00 alle ore 22,30 - con Giuria Popolare   (Ingresso

Read More...

CARA PROFESSORESSA e PRESTAZIONI STRAORDINARIE al Teatro dei Servi di Roma

  dal 26 al 28 novembre 2018 CARA PROFESSORESSA   scritto da Ljudmila Razumovskaja traduzione Valerio Piccolo adattamento Francesca Zanni   con Giovanna Centamore, Giovanni Nasta, Valerio Ribeca, Giuseppe Vancheri, Francesca Verrelli regia Andrea

Read More...

Mobile Sliding Menu