GIOVANNA SOTTO IL SEGO DEL TEMPO al Teatro Le Sedie di Roma

In Cultura

GIOVANNA SOTTO IL SEGO DEL TEMPO
di Adriano Marenco
con Patrizia Bernardini 
regia di Alessandra Caputo
musiche Valentino Rodolfo Puccio

“La mia terra era ampia. Ampia col bacino largo. Si affollano predoni nelle mie viscere.
Mi affaccio a finestre smerigliate.
Guardo la mia terra lunga e secca d’estate. Un pantano gelato d’inverno.
Ho acconciature severe.
Il destino di un popolo e di dio.
Non esiste tra essi e lui alcuna divergenza”.

Cenni storici sul personaggio. Giovanna di Castiglia figlia di Isabella di Castiglia e Ferdinando di Aragona, i Re Cattolici. Sposa Filippo il Bello figlio di Massimiliano d’Austria nel 1496. Suo figlio Carlo sarà Carlo V imperatore del regno dove non tramonta mai il sole. Formalmente Regina di Castiglia: 1504-1555. Non regnò mai. Internata come pazza prima dal padre e poi dal figlio Carlo. Fu rinchiusa a Tordesillas dal 1509-1555.

Vogliamo proporre un ritratto non convenzionale di una regina che non regnò mai, Giovanna la Pazza. Ossessiva, bulimica, innamorata. Tradita. Lucida e allo stesso tempo incapace di controllare le sue pulsioni. Forse per scelta incapace. Il nostro obiettivo non è raccontare la Storia. Ma la storia interiore di una donna. Fragile e al contempo fortissima. Una donna capace attraversare per 8 mesi la Spagna con il feretro del marito. Neanche 46 anni di internamento l’hanno spezzata, o chissà sì. Una donna forse autodistruttiva, forse per scelta. Giovanna si vendica o meglio si vendica di se stessa. Si trascina il feretro del marito. Lo pettina, lo ama, lo infilza di spilloni, come bambola voodoo. Giovanna racconta la sua storia, dopo morta o dopo viva. Giovanna è presente. Giovanna è assente. Giovanna si sente spiata in ogni dove spiate. Giovanna ha come unico regno la mattonella sulla quale poggia i piedi. Giovanna si pettina le corna. Giovanna fa tremende scenate di gelosia. Giovanna considera il potere tutto maschile che l’ha fatta fuori. Ci ride su. Ma Giovanna è soggiogata dalla dinastia del sangue, o forse preferisce così. Giovanna viene tradita dai suoi tre uomini, marito, padre e figlio. La sacra trinità del maschio. Il potere inaccessibile dell’uomo.

sabato 24 febbraio ore 21
domenica 25 gennaio ore 18

ingresso: € 10 intero; € 8 ridotto
info e prenotazioni: segreteria@teatrolesedie.it – 3201949821

You may also read!

Dal violino all’arpa per Sere d’Arte a Roma

Unwritten Dal violino all’arpa Flora Papadopoulos arpa barocca Musiche di Bach, Biber, Marini, Corelli 16 agosto ore 21 Cappella dei Condannati – Castel Sant’Angelo

Read More...

Teatro e musica al Festival Segreti d’Autore del 14 agosto

FESTIVAL SEGRETI d’AUTORE direzione artistica Nadia Baldi   Festival dell’Ambiente delle Scienze e delle Arti   NATURA DELLA LEGALITA’. LEGALITA’ DELLA NATURA Ottava edizione   Intervento co-finanziato

Read More...

Patrizio vs Oliva al Festival Segreti d’Autore

FESTIVAL SEGRETI d’AUTORE   direzione artistica Nadia Baldi   Festival dell’Ambiente delle Scienze e delle Arti   NATURA DELLA LEGALITA’. LEGALITA’ DELLA NATURA Ottava edizione   Cilento –

Read More...

Mobile Sliding Menu