GIOVANNA SOTTO IL SEGO DEL TEMPO al Teatro Le Sedie di Roma

In Cultura

GIOVANNA SOTTO IL SEGO DEL TEMPO
di Adriano Marenco
con Patrizia Bernardini 
regia di Alessandra Caputo
musiche Valentino Rodolfo Puccio

“La mia terra era ampia. Ampia col bacino largo. Si affollano predoni nelle mie viscere.
Mi affaccio a finestre smerigliate.
Guardo la mia terra lunga e secca d’estate. Un pantano gelato d’inverno.
Ho acconciature severe.
Il destino di un popolo e di dio.
Non esiste tra essi e lui alcuna divergenza”.

Cenni storici sul personaggio. Giovanna di Castiglia figlia di Isabella di Castiglia e Ferdinando di Aragona, i Re Cattolici. Sposa Filippo il Bello figlio di Massimiliano d’Austria nel 1496. Suo figlio Carlo sarà Carlo V imperatore del regno dove non tramonta mai il sole. Formalmente Regina di Castiglia: 1504-1555. Non regnò mai. Internata come pazza prima dal padre e poi dal figlio Carlo. Fu rinchiusa a Tordesillas dal 1509-1555.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale Youtube

Vogliamo proporre un ritratto non convenzionale di una regina che non regnò mai, Giovanna la Pazza. Ossessiva, bulimica, innamorata. Tradita. Lucida e allo stesso tempo incapace di controllare le sue pulsioni. Forse per scelta incapace. Il nostro obiettivo non è raccontare la Storia. Ma la storia interiore di una donna. Fragile e al contempo fortissima. Una donna capace attraversare per 8 mesi la Spagna con il feretro del marito. Neanche 46 anni di internamento l’hanno spezzata, o chissà sì. Una donna forse autodistruttiva, forse per scelta. Giovanna si vendica o meglio si vendica di se stessa. Si trascina il feretro del marito. Lo pettina, lo ama, lo infilza di spilloni, come bambola voodoo. Giovanna racconta la sua storia, dopo morta o dopo viva. Giovanna è presente. Giovanna è assente. Giovanna si sente spiata in ogni dove spiate. Giovanna ha come unico regno la mattonella sulla quale poggia i piedi. Giovanna si pettina le corna. Giovanna fa tremende scenate di gelosia. Giovanna considera il potere tutto maschile che l’ha fatta fuori. Ci ride su. Ma Giovanna è soggiogata dalla dinastia del sangue, o forse preferisce così. Giovanna viene tradita dai suoi tre uomini, marito, padre e figlio. La sacra trinità del maschio. Il potere inaccessibile dell’uomo.

sabato 24 febbraio ore 21
domenica 25 gennaio ore 18

ingresso: € 10 intero; € 8 ridotto
info e prenotazioni: segreteria@teatrolesedie.it – 3201949821

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Recensione: Le notti bianche regia di Francesco Giuffrè

Il Teatro Ghione porta in scena “Le notti bianche” di Fëdor Dostoevskij, con Giorgio Marchesi, Camilla Diana con adattamento

Read More...

Recensione: NOTE DI CIOCCOLATA di Paolo Triestino e Giovanni Baglioni

Andrà in scena fino a domenica 17 Febbraio al Teatro Flaiano "Note di cioccolato", uno spettacolo che intrattiene: il tema

Read More...

CALL CENTER 3.0 al TEATRO DEI SERVI di Roma

                   MAURO ATTURO                         NICOLA CANONICO                per Problem Solving           &            per Good Mood Presentano CALL CENTER 3.0 Scritto e diretto da Roberto D’Alessandro   Con Franco

Read More...

Mobile Sliding Menu