FAUST di Fernando Pessoa a Roma

In Eventi in Teatro

FAUST

di Fernando Pessoa

Uno spettacolo musicale di Maria Inversi

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale di Youtube

 

Compositore e fisarmonica- bajan: Marcello Fiorini

Canto jazz, blues e fado: Oona Rea

Contrabbasso: Mauro Tedesco

 

Faust: Luca Carbone

Voci: Maria Inversi, Oona Rea, Rita Pasqualoni, Sebastian Marzak, Marcello Fiorini, Mauro Tedesco,

 

Musiche: Marcello Fiorini 

Contributi musicali di Oona Rea e Mauro Tedesco

 

Adattamento per opera musicale e regia: Maria Inversi

Assistente alla regia: Giulia Bonazzoli

 

Con il sostegno di: Ambasciata del Portogallo, Camões Istituto da Cooperação e da Lingua Portugal, Teatro di Roma e col sostegno morale del Comune di Roma – politiche sociali

Collaborazione alla pubblicità: Goethe Institut Roma

 

 

4 dicembre Teatro Torlonia6 dicembre Teatro Tor Bella Monaca  ore 21:00

 

Debutta in prima nazionale assoluta il 4 dicembre al Teatro Torlonia, e poi in replica il 6 dicembre al Teatro Tor Bella Monaca, Il Faust di Pessoa per la regia di Maria Inversi.

 FAUST è un’opera incompiuta del grande scrittore portoghese, data alle stampe post mortem.

Le pochissime note dello stesso Pessoa al suo manoscritto, fanno riferimento al Faust di Goethe nella traduzione, pare, di Agostinho d’Ornellas.

L’autore, riconoscente a Goethe (nel testo), muove il personaggio Faust come se gli altri fossero parte di lui, ma anche entità extra-soggettività, come se l’esistenza nel suo fluire abbracciasse attimo dopo attimo ciò che è dentro e fuori di noi come condizione sensibile che confligge con l’intelligenza, il razionale. Così prendono corpo oltre Faust, Lucifero, Cristo, Maria, Vincente, Vecchio, l’odio, la notte, voci di anime diverse appartenenti a  quell’universo che palpita in noi tra gioia e terrore, stupori e dubbi.  Un lavoro astratto, simbolico e lirico, in cui si dispiega la meraviglia di ciò che della vita possiamo cogliere con lo sguardo. Un viaggio nell’universo dove si mescolano gioia, stupore, dubbi, incontri con personaggi del passato, tutto raggrumato nella soggettività creatrice che diviene lirica, monologica, dialogica.

La lingua sciolta da paradigmi è soggetto di rappresentazione tanto poetica, quanto riflessiva, sul valore dell’esistenza.

La struttura libera con momenti di dialogo è un articolato poema, un dramma dell’anima in bilico tra l’esistenza da abbracciare e da abbandonare e che, probabilmente, narra l’atmosfera anticipatrice di un mondo che si stava ripiegando su se stesso e incapace di evitare guerre e disastri.

 

 “Pessoa immaginò che alcune parti potessero essere trasformate in canzoni e, in tal modo, ha dato alla regia la possibilità di giocare cercando diversità e armonie, e servendosi della creatività di ognuno (come in altri progetti) e come metodo direttivo.”annota la regista Maria Inversi. “Lo scrittore chiede a se stesso e a noi: siamo portatori di tutto l’amore o di tutto l’odio? O siamo nominati da qualcuno sopra di noi che indica se siamo espressione voluta di Potenze e che per questo dobbiamo essere migliori? L’intelligenza tradisce la nostra sensibilità, il nostro intuito. Pessoa si è occupato di occultismo, e vi è nel suo Faust ricorrenza numerica, l’8 che, coricato, corrisponde nella numerologia al concetto di perfezione: nascita di Pessoa 1888, prima stesura 1908, prima pubblicazione 1988, l’8 è numero che egli cita in una sua poesia esoterica, e grazie all’Ambasciata del Portogallo e a quanti hanno creduto nel progetto, debuttiamo nel 2018, immaginando che Pessoa, credente (se pur con molti dubbi) e che in punta di morte disse “I know not what tomorrow will bring..” nel suo vagare tra una pianeta e l’altro, ne sia felice. Ha dato molto all’umanità alla letteratura alla poesia e alla fede (fiducia) per noi tutti nel mostrarci anche, col personaggio Maria che l’amore ha intenzioni e parole indubitabili.”

 

L’opera incompiuta, consente di esaltarne alcune voci rispetto ad altre, tanto da essere presentata come opera teatrale-musicale, le cui musiche e interpretazioni sono concepite come un grande abbraccio al pubblico. Questo Faust, infatti, è tra i testi che superbamente fanno sentire l’essere umano meno solo. L’autore ci chiama a sé nel suo mondo interiore sensibile chiedendoci di cercare il senso dell’esistenza in quella unicità che fa di ciascuno di noi un essere speciale e inimitabile. Tutto questo, in scena, con la straordinaria qualità musicale di Marcello Fiorini (fisarmonica-bajan e compositore), l’ecclettismo del giovane Mauro Tedesco (contrabbasso), l’incantevole voce di Oona Rea, l’interpretazione di Luca Carbone, e ancora di Vincente e il Vecchio affidate a Rita Pasqualoni, gli emblematici Lucifero (Sebastian Marzak) e Cristo che, unitamente ad altre voci, divengono compagni del suo e nostro  viaggio, dentro e fuori l’universo mondo. Voci che abbattono l’idea stessa di genere, poiché sono entità-apparizioni che entrano in gioco nelle fasi di cambiamento o crisi di Faust, come quelle che ogni essere umano potrebbe narrare di sé.

 

Fernando António Nogueira Pessoa, nasce a Lisbona nel 1888, inizia a scrivere il suo Faust nel 1908 lavorandoci tutta la vita.  Faust viene pubblicato, alla sua morte nella città natale, nel 1988, e subito dopo verrà pubblicato da Einaudi. Muore nel 1935 dopo aver interiorizzato la prima guerra mondiale e avvertito l’avvento della seconda. Ha vissuto gran parte della sua vita in Sud Africa tanto da utilizzare l’inglese in molti scritti e in punta di morte pare disse: I know not what tomorrow will bring… ” 

Maria Inversi, scrittrice e regista di teatro si laurea in lingue letterature straniere, giornalismo e teatro con studi alla Sorbonne. Ha studiato acrobatica, danza e regia.  Ha pubblicato volumi di teatro, racconti, libretto d’opera e poesie anche in Rai News24. Molte le regie in cui ha fatto convergere con la parola: danza, video, e musica (Rita Marcotulli, Giovanna Famulari, Virginia Guidi, Tommaso Alfonsi, Gabriele Cohen, Cristiana Polegri); interpreti (Giorgio Colangeli, Mirella Mazzeranghi, Andrea Cosentino, Silvia Lorenzo, Alessandra Fallucchi, Alessandra Muccioli, Marco Quaglia, Simona Borioni e tanti altri). Ha portato in scena figure femminili sconosciute: C. Claudel (1988), S. Weil (1989) I.Bergman, E.Hillesum (1993), M. Zambrano (1996) e La Malattia della Morte di Marguerite Duras, L’uomo seduto nel corridoio di Marguerite Duras, S. Plath (anni 2000), Elfriede Jelinek (2006) ecc. Ha fatto conoscere e creato scuole di danza Butho in Italia (1986/1990). Recensita su pagine nazionali e Rai Tre, ha vinto premi di scrittura. 

 

Marcello Fiorini e Mauro Tedesco vincitori di premi nazionali e internazionali di prestigio. Loro creazioni in Youtube.

 

 

Ufficio Stampa Spettacolo

Maresa Palmacci : tel. 3480803972 – palmaccimaresa@gmail.com

 

INFO:

Martedì 4 dicembre Teatro Torlonia_ Via Lazzaro Spallanzani, 1A

Biglietti: direttamente a teatro, oppure attraverso crowdfounding (solo Teatro Villa Torlonia) Mina Stellato- mina.stellato@hotmail.com – costo 15 euro

 

Giovedì 6 dicembre Teatro Tor Bella Monaca

BIGLIETTI

intero 10,50 Euro

ridotto 8,50 Euro

 

 

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Film: Il cacciatore e la regina di ghiaccio

Il film Il cacciatore e la regina di ghiaccio diretto da Cedric Nicolas Troyan è del 2016 e segue

Read More...

Faust, il nostro punto di vista

Nella bella cornice del Teatro Torlonia, un teatro molto carino piccolo, discreto, della fine dell’ottocento, all’interno di villa Torlonia,

Read More...

Al Teatro Massimo di Roma la finale del Tour Music Fest 2018

Si è svolta al Teatro Massimo di Roma la finale del Tour Music Fest 2018. La serata aperta da

Read More...

Mobile Sliding Menu