Ecco i vincitori di Urgenze 2017

In Cultura, Urgenze 2017

 

Si è conclusa martedì 6 dicembre la prima edizione della rassegna teatrale Urgenze 2017, organizzata da Francesca Romana Miceli Picardi, Lara Panizzi e Marianna Stoico.

La giuria ha decretato vincitore di questa prima edizione lo spettacolo “Sotto i girasoli” scritto da Davide del Grosso, ispirato alla storia vera di un reduce della seconda guerra mondiale, mandato in Russia a combattere, con Davide Del Grosso, Francesco Errico, Andrea Lietti, regia di Isabella Perego.

Il secondo posto è andato a “Nel mio paese” di Giuseppe Adducci, uno spaccato sull’immigrazione e il rapporto che abbiamo con chi attraversa il mare alla ricerca di una speranza con Giampietro Liga.

Il terzo posto è andato allo spettacolo “Avemmaria” del giovane calabrese Emilio Nigro, anche questo ispirato a un fatto realmente accaduto in Calabria ad un giovane, che, trascinato da cattive compagnie, ha subito la reazione della società.

Tre spettacoli urgenti che hanno attirato l’attenzione della giuria e si sono aggiudicati i premi finali. Al primo una settimana di messa in scena al Teatro Tordinona, al secondo cinque giorni di spettacolo e al terzo tre serate, sempre al teatro Tordinona di Roma.

La serata si è svolta in modo semplice, con la familiarità che ha contraddistinto tutte le serate della rassegna, scoprendo una grande famiglia pronta ad accogliere non solo i giurati, ma anche tutte le compagnie che si sono esibite.

L’appuntamento con Urgenze sarà molto presto, per questo è meglio restare in contatto con la pagina ufficiale della rassegna.

You may also read!

Estrocorti, contest nazionale di monologhi e corti teatrali a Bologna

Si sta svolgendo a Bologna - e durerà fino al 30 settembre – Estrocorti, “contest nazionale di monologhi e

Read More...

Stand by Me – Ricordo di un’estate di Rob Reiner

Immagine da web Stand by Me – Ricordo di un’estate è un film del 1986 diretto

Read More...

Intervista al cantautore Luca Gatti

  Incontriamo il giovane cantautore Luca Gatti e nel dargli il benvenuto, poniamo la prima domanda: quanto giovane sei? Insomma,

Read More...

Mobile Sliding Menu