E se Otello fosse Rom? Da un’idea di Ilaria Testoni e Glenda Ray

In Recensioni

Al Teatro Arcobaleno in Roma è in scena lo spettacolo Otello, di W. Shakespeare,  riadattato da  Glenda Ray, su un idea di Ilaria Testoni. Regia di Ilaria Testoni, colonna sonora Ferdinando Nicci, costumi Cinzia Ungaro, luci Pietro Sperduti.

La storia di Otello si conosce: il dramma della gelosia che fa vedere tutto distorto, che fa vedere cose che non ci sono. Unito ad esso, l’invidia, la non accettazione dell’altro. Iago, colui che Otello giudica un amico e soldato fidato, sarà quello che lo tradirà, per un suo tornaconto, per ripicca, per non essere stato nominato luogotenente. Accanto a loro, le donne; che amano senza pregiudizi e che muoiono per amore.

Nella rappresentazione ideata da Ilaria Testoni, l’ambientazione è dei giorni nostri, delle nostre guerre, Afghanistan, golfo o chissà quale altra. Otello non è Moro ma zingaro, sì, un rom. Un rom che per quanto valoroso, combattivo, leale e giusto, si porta dietro la sua cultura: cultura che non a tutti piace, etnia che stimola istinti di rabbia, di invidia, di rivalsa. Lui sarà sempre quello che puzza, quello che ruba. E per quanto innamorato della sua bella Desdemona, che ricambia pienamente, gli bastano poche parole di Iago e un invito a guardare ciò che gli viene fatto credere, per mandare in frantumi tutto l’amore. Spaccato della nostra società, dove il più forte ha potere, dove le immagini, a volte artefatte, contano più dei sentimenti. Una storia di fiducia tradita, di cattiveria al solo scopo di un onorificenza; di pregiudizi, che non muoiono mai e poi mai, in nessuna epoca.

Bravissimo Iago, Mauro Mandolini, un’interpretazione eccezionale. Uno Iago cattivo, astioso e rancoroso, che con il potere della parola si fa  credere amico da tutti.

Bravissimo anche Otello, Camillo Marcello Ciorciaro, valoroso condottiero innamorato. Si percepiscono l’amore e il dolore che prova nei confronti di Desdemona, come fossero reali.

Bravi anche gli altri attori, che aiutano i due a venir fuori, a farsi protagonisti: Desdemona- Francesca Dinale,  Emilia-Ilaria Amaldi, Cassio- Laurence Mazzoni, Roderigo- Roberto di Marco, Brabanzio- Fabrizio Bordignon, Bianca- Michela Giamboni.

Scenografia essenziale ma efficace: è riprodotto quello che potrebbe essere un campo di battaglia. Rumori e suoni registrati, contribuiscono all’immaginazione della scena. Le luci che permettono il cambio scena degli attori, molto forti, sono un po’ fastidiose, arrivavano dritte negli occhi del pubblico, all’improvviso.

You may also read!

Lost People la mostra di Beu-Beu Art Festival

Foto Niccolo Cosimo Poppi Intervista a Costanza Tagliaferri e Rossana Calbi ideatrice e curatrici della mostra

Read More...

La nuova stagione del Teatro Caesar di San Vito Romano

  TEATRO CAESAR SAN VITO ROMANO - STAGIONE 2018/2019 COMUNICATO STAMPA   IL TEATRO CAESAR DI SAN VITO ROMANO RIAPRE L'ATTIVITA' IL 30

Read More...

Romics: al via la XXIV edizione

ROMICS  FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FUMETTO, ANIMAZIONE, CINEMA E GAMES  DAL 4 AL 7 OTTOBRE 2018 ROMA,FIERA DI ROMA   Dal 4 al 7

Read More...

Mobile Sliding Menu