Due addetti alle pulizie in scena al Festival inDivenire di Roma

In Recensioni
Foto Ufficio Stampa

In gara al Festival inDivenire di Roma che sta andando in scena allo Spazio Diamante, lo spettacolo “Due addetti alle pulizie”scritto e diretto da Chiara Arrigoni e interpretato da Andrea Ferrara e Massimo Leone.

Due addetti alle pulizie stanno cominciando il proprio turno di lavoro e devono ripulire uno scantinato. I due cominciano il loro lavoro prima silenziosamente, poi iniziano a chiacchierare e l’argomento principale è proprio loro lavoro. Ma realmente i due che cosa fanno? Chiacchierando si scopre che guadagnano molto bene, molto più di due semplici addetti alle pulizie, che non lavorano tutti i giorni, ma che non hanno il coraggio di confessare agli altri quello che realmente fanno.

Da qui parte una discussione sull’importanza del loro impegno, del lavoro, della verità, della coscienza e si toccano i temi fondamentali della vita umana.

Il testo, scritto da Chiara Arrigoni, prende spunto dal celebre Il calapranzi di Harold Pinter, e, come dice la stessa autrice, vuole essere uno spin – off dello tesso, infatti parte da dove termina il racconto di Pinter.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale Youtube

Gli attori ci mostrano ciò che accade nella stanza misteriosa in cui devono ripulire le macchie di sangue e dove, solo loro, si muovono con disinvoltura mentre lo spettatore osserva cercando di comprendere tra un sorriso e una riflessione, quello che accade. Il tema principale del testo è la riflessione sulla banalità del male che permette di decidere di non porsi domande di fronte ad esso. Un tema davvero sentito e che accompagna la vita di ognuno di noi, anche nelle piccole scelte.

La scena scarna, con solo due sedie e due secchi per lavare, utilizzati dagli attori, ci immerge in una stanza che appare già cupa e dove i discorsi si rigirano tra verità e bugie. Bravi gli attori che, muovendosi con destrezza all’interno dello spazio, non mancano di essere fulcri dello stesso, attirando sguardi e concentrazione. Gesti e testo non permettono allo spettatore di assentarsi, ma lo accompagnano per mano, nel racconto.

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Intervista a Bruna K. Midleton autrice di Murate vive

rinchiudere le figlie era pratica usuale  Il racconto “Murate Vive – Marianna De Leyva e le altre monache di Monza”,

Read More...

Cosa significa essere single oggi: Sex e detriti 2.0 amori e altre sventure

Come vivono questa situazione le donne? La singlitudine è una caratteristica di questi anni. Molte donne vivono con tranquillità questa

Read More...

Sottozero, intervista a Viola Thian

un filo conduttore può essere proprio la diversità La giovane cantante Viola Thian, classe 1997, ha pubblicato da poco il

Read More...

Mobile Sliding Menu

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Privacy –   Cookie policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie