Sei donne per il Giulio Cesare di Diego Placidi

In Recensioni

All’Ar.Ma Teatro di Roma, in scena un particolare “Giulio Cesare – Canone inverso” di William Shakespeare, ritoccato sapientemente da Dario Placidi e con Ilaria Libianchi, Sonia Convertini, Serena Vitaliano,  Clara Rafuzzi, Alessandra Martino,  Eleonora Mancini.

L’autore e regista della tragedia, porta in scena una versione del celebre lavoro shakespeariano, affidando l’interpretazione a sei giovani attrici, che, invertendo la tradizione, interpretano le figure di personaggi così intensi quanto forti e, a dirla tutta, molto cattivi.

L’ambientazione è quella retro-futuristica ispirata al mondo steampunk vittoriano e western, come si nota dai costumi indossati dalle attrici, e dagli elementi in scena, come quelli dello Sciamano. Non armi da fuoco, ma rigorosamente armi bianche che diventano protagoniste nei combattimenti scenici, non presenti nel testo originale.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale di Youtube

Il testo resta uno degli elementi fondamentali della tragedia, ben asciugato e rielaborato, tanto da essere considerato un ottimo adeguamento dell’originale e capace di mantenere sempre attiva l’attenzione dello spettatore e mai noioso.

In scena le 6 attrici riescono a mostrare e mantenere una certa presenza scenica cattiva, non solo nei gesti, ma anche nelle mimiche facciali, dando forza al testo recitato. Si sente presente la cattiveria che aleggia nei personaggi nemici di Cesare, come Cassio e Bruto, la cui espressione resta costantemente negativa, anche nelle fasi del raggiungimento dell’obiettivo. I combattimenti animano la scena poco attiva, come da copione, e rendono lo spettacolo interessante. Qualche piccola inesattezza, da parte delle giovanissime attrici, nella recitazione, che denota la mancanza di esperienza delle stesse.

In compenso, l’intero spettacolo ha la capacità di trasmettere emozioni, attraverso parole e gesti che conquistano il pubblico non solo degli adulti, ma anche dei giovanissimi che seguono con attenzione l’intera vicenda. Uno spettacolo che ha da modificare qualche piccola cosa, a livello scenico e di memoria, ma che in compenso rappresenta un lavoro con ottime referenze.  

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Film: Il cacciatore e la regina di ghiaccio

Il film Il cacciatore e la regina di ghiaccio diretto da Cedric Nicolas Troyan è del 2016 e segue

Read More...

Faust, il nostro punto di vista

Nella bella cornice del Teatro Torlonia, un teatro molto carino piccolo, discreto, della fine dell’ottocento, all’interno di villa Torlonia,

Read More...

Al Teatro Massimo di Roma la finale del Tour Music Fest 2018

Si è svolta al Teatro Massimo di Roma la finale del Tour Music Fest 2018. La serata aperta da

Read More...

Mobile Sliding Menu