DOIT Festival – Drammaturgie Oltre Il Teatro seconda settimana

In Eventi in Teatro

 

 

Programma seconda settimana 20 | 27 marzo 2018

 

AR.MA TEATRO

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale Youtube

Via Ruggero di Lauria, 22 – Roma

 

Biglietti: 12 euro intero; 10 euro ridotto; 8 euro studenti

Abbonamenti a partire da 32 euro

 

L’avventura del DOIT Festival – Drammaturgie Oltre Il Teatro continua ad appassionarci con le proposte teatrali delle compagnie indipendenti provenienti da tutta Italia.

Debutti e anteprime nazionali, lavoro ai tempi di Youtube, cronaca italiana e performance multi-lingue d’ispirazione surrealista sono i protagonisti della seconda settimana del festival, autoprodotto dall’Associazione culturale ChiPiùNeArt, in stretta connessione con il concorso di drammaturgia contemporanea LARTIGOGOLO, ideati e curati da Cecilia Bernabei e Angela Telesca per promuovere nuovi drammaturghi, intercettare proposte creative di qualità nelle realtà “periferiche” che trovano sempre meno luoghi di accoglienza e valorizzare la simbiosi tra messinscena e scrittura per il teatro.

In programma una proposta, non solo teatrale, ma più ampiamente culturale e letteraria con spettacoli in concorso, incontri con le compagnie aperti al pubblico e alla critica e presentazioni editoriali dei testi vincitori dell’ARTIGOGOLO 2017 e del DOIT Festival 2017, editi dalla ChiPiùNeArt Edizioni, all’interno della collana teatrale Le Nebulose.

Sabato 24 e domenica 25 marzo, ospite della rassegna lo spettacolo Alfredino. L’Italia in fondo al pozzo della compagnia lombarda Effetto Morgana, vincitrice del DOIT Festival 2017. In occasione dello spettacolo sarà presentata l’omonima monografia del testo edita da ChiPiùNeArt Edizioni.

Ogni sera al pubblico sarà proposta un’occasione di confronto con la critica e le compagnie durante i dibattiti dopo lo spettacolo e ciascuno spettatore potrà esprimere un giudizio insieme alla giuria di esperti.

 

Martedì 20 e mercoledì 21 marzo ore 20.45

STAND BY ME. NOTTI D’AGOSTO

drammaturgia | regia Flavia Martino

con Gabriele Namio e Alessandra Barbonetti

Produzione Associazione Culturale Pensagramma | LAZIO

 

Prima assoluta nazionale

 

“Quando smettiamo di essere umani, di ascoltare e curare le nostre crepe. Tutti possono sembrare nostri nemici”

 

Una storia semplice che mette l’amicizia a dura prova. Due giovani, Luca e Alice, che si ritrovano in una situazione estrema e danno libero sfogo ai loro pensieri e alle loro peggiori inclinazioni.

Luca e Alice si conoscono da sempre: sono andati a scuola insieme e anche adesso condividono lo stesso gruppo di amici, il loro tempo libero, i loro pomeriggi fuori dagli impegni di lavoro e di studio, anche nelle calde notti d’agosto, quando la città apparentemente è vuota. Poi accade l’inaspettato, forse una strage, e i due, per mettersi in salvo, sono costretti a nascondersi in una cantina e attendere che il peggio passi. Ma non sempre il peggio è quello che pensiamo.

Il racconto esula dal discorso uomo/donna: i personaggi potrebbero essere anche dello stesso sesso. La guerra, quella che conosciamo, non nasce solo per il desiderio di dominare. La guerra che vediamo intorno a noi spesso nasce dalla perdita di umanità, unico e vero centro dell’uomo. Quando smettiamo di essere umani, di ascoltare e curare le nostre crepe, come dice Luca, smettiamo anche di guardare gli altri, di ascoltarli, di vederli. Cominciamo a vivere in un mondo popolato di ombre e tutto diventa più difficile e doloroso.

 

 

 

Giovedì 22 e venerdì 23 marzo ore 20.45

APLOD

Il video di un gattino puccioso può cambiarti la vita

 

drammaturgia Rodolfo Ciulla

con Federico Antonello, Michele Fedele, Matteo Giacotto, Giacomo Vigentini

regia collettiva Rodolfo Ciulla, Michele Fedele, Matteo Giacotto, Giacomo Vigentini

voce Dalila Reas

disegno luci Giuseppe Musmarra

scenografie | costumi Sara Scodro

realizzazione scenografie La Poa Officina Creativa

Produzione Fartagnan Teatro | EMILIA ROMAGNA

 

Spettacolo vincitore del bando “Giovani Direzioni 2017” 

del Centro Teatrale MaMiMò Teatro dell’Orologio di Reggio Emilia

Spettacolo vincitore “Inserire titolo” promosso da OfmCompany di San Mauro Torinese

 

 

Come è possibile che nella società attuale l’aspirazione ad essere uno Youtuber sia diventata un’alternativa così allettante? Realizzare video, anche in modo amatoriale, è davvero un metodo molto più efficace per fare carriera e ottenere una stabilità economica? Il sogno di un contratto a tempo indeterminato e di uno stipendio fisso è stato surclassato dal brivido di ottenere un milione di like?

In un futuro non troppo lontano, il governo ha dichiarato illegale produrre e caricare in internet materiale video. Siti come YouTube sono stati chiusi e dichiarati fuorilegge. Nei meandri del web, però, esistono siti pirata dov’è ancora possibile condividere video. Il più famigerato di tutti è APLOD, dove un videomaker può guadagnare un sacco di soldi caricando il video divertente di un gattino. In questo mondo, a metà fra un romanzo di G. Orwell e una sceneggiatura dei fratelli Cohen, dove tutti sono dediti al lavoro, il nostro protagonista viene licenziato, spinto dal peso delle bollette e dell’affitto da pagare e stufo di vivere una vita quasi ai margini della società, decide di aprire un’associazione criminale dedita a produrre video pirata da caricare in rete per ricavarne un mucchio di quattrini.

Una commedia nera, ricolma di riferimenti alla cultura pop 2.0, che gira attorno al mondo paradossale – ma ormai essenziale – del video sharing. 

 

 

 

Sabato 24 ore 20.45 e domenica 25 marzo ore 17.30

EVENTO OSPITE | SPETTACOLO E PRESENTAZIONE EDITORIALE

 

ALFREDINO – L’ITALIA IN FONDO A UN POZZO

 

da un’idea di Fabio Banfo e Serena Piazza

regia Serena Piazza

drammaturgia Fabio Banfo

sound design Fabio Cagnetti

Produzione Effetto Morgana | LOMBARDIA

 

Vincitore del DOIT Festival 2017

Menzione speciale “Migliore drammaturgia DOIT Festival 2017”

 

Lo spettacolo è il racconto della tragica vicenda del piccolo Alfredo Rampi, precipitato a trentasei metri di profondità nel pozzo di Vermicino, e dei tentativi di salvarlo nelle trentasei ore successive. Una storia che ha sconvolto il paese nel 1981, con la prima diretta no-stop a coprire un caso di cronaca, un evento mediatico che doveva documentare una storia a lieto fine e che alla fine si è trasformato in uno shock collettivo nazionale. Una storia che assomiglia a mille altre storie italiane, fatta di improvvisazione, approssimazione, coraggio, cialtroneria, conflitti tra poteri, politica, vanità, avente come protagonisti macchiette, nani, acrobati, eroi, mezzibusti, politici… come se quel pozzo avesse avuto il potere di risucchiare in un gorgo tutto il paese per poi risputarlo fuori sempre uguale a se stesso, eppure per sempre mutato. Per molti dei commentatori dell’epoca quell’evento segnò un punto di non ritorno, una sorta di svolta. In quegli anni nasceva la Tv privata. Si realizzava quel mutamento antropologico che Pasolini (morto lo stesso anno in cui nasceva Alfredino) aveva profetizzato.

Il personaggio centrale è Alfredino, quel bambino perduto, come fosse l’anima dell’Italia, inghiottita dal buio, perduta per sempre, per sempre incastonata in un diamante, come il blocco di ghiaccio azotato in cui fu conservato il suo corpo, prima di recuperarlo dalla tenebra in cui è venuto a mancare a noi tutti (Serena Piazza).

Durante il dibattito, al termine di ciascuna replica, verrà presentato il testo “Alfredino, l’Italia in fondo a un pozzo” pubblicato all’interno della collana teatrale Le Nebulose, edita da ChiPiùNeArt Edizioni di Adele Costanzo.

 

 

 

Lunedì 26 e martedì 27 marzo ore 20.45

I RAN GOT TIRED

ispirato all’opera di Daniil Charms

 

regia Magnus Errboe

con Vita Malahova, Aude Lorrillard

musiche Alberto Barberis, Aude Lorrillard

Produzione I Patom Theatre | PIEMONTE

 

Performance multi-lingua che porta alla luce la lotta di un artista e l’assoluta necessità di combattere per le proprie convinzioni. I Patom Theatre crea un mondo poetico attraverso l’espressione fisica, la musica e le intense immagini. Lo spettacolo trova la sua ispirazione nell’autore russo surrealista Daniil Charms (1905-1942), uno degli ultimi rappresentanti dell’avanguardia russa.

Per mezzo di due personaggi sconcertanti e surreali, la figura del Poeta e della Donna – musa, ombra, amore – lo spettacolo mette in mostra l’assurdità dell’esistenza di quest’autore e la tragedia della sua condizione: quella di un artista che si è sempre scontrato contro il potere e la censura, senza rassegnarsi mai. Dietro questa apparente vita drammatica si nasconde un umorismo profondo. Un’ironia salvifica, che crea uno sfasamento surreale e aiuta ad alleggerire gli argomenti pesanti dell’esistenza: la vita, la morte, l’amore. Finché ne possiamo ridere, siamo in salvo.

Uno spettacolo acido di verità e crudo di realismo. Un inno alla perseveranza. Una tenacia che è motore di una forza vitale inspiegabile e inestinguibile: perché continuare a condurre una pallida e vana esistenza? Quali sono le ragioni per cui vogliamo stare in vita?

 

 

 

DOIT Festival – Drammaturgie Oltre Il Teatro

www.doitfestival.eu

 

in collaborazione con

 

LARTIGOGOLO – scrittori per il teatro

www.artigogolo.eu

 

 

15 | 27 MARZO 2018

3| 15 APRILE 2018

 

Ar.Ma. Teatro | Via Ruggero di Lauria, 22 – Roma (Metro A Cipro)

 

Per info e prenotazioni: 06 3974 4093

Email: info@capsaservice.it

 

Direzione artistica DOIT Festival

Angela Telesca – angela.telesca@chipiuneart.it

Cecilia Bernabei – cecilia.bernabei@chipiuneart.it

 

Direzione organizzativa DOIT Festival

Simona Lacapruccia simona.lacapruccia@chipiuneart.it

 

Ufficio stampa ChiPiùNeArt

ufficiostampa@chipiuneart.it, 3208955984

 

Grafica e webmaster ChiPIùNeArt

Walter Mirabile walter.mirabile@chipiuneart.it

 

Si ringraziano i mediapartner

CulturaMente | Gufetto Magazine | Missioni Teatrali | Persinsala | Recensito

 

i Teatri della Rete DOIT Festival

Teatro Il Moscerino (Pinerolo – TO) | Ar.MaTeatro (Roma)|

Teatro Studio Uno (Roma) | Teatro Trastevere (Roma) |

TRAM Teatro Ricerca Arte Musica (Napoli) | Teatro dei Limoni (Foggia)

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Ritorna al Teatro Marconi di Roma La parrucchiera dell’imperatrice

    La parrucchiera dell'imperatrice. Ossia la vera storia della Principessa Sissi   Di Franca De Angelis Regia Anna Cianca Con Tiziana Sensi      21 gennaio   Il

Read More...

Coco Chanel: pioniera controcorrente

Oggi vi voglio parlare di un personaggio della moda a me cara, un personaggio che la Moda l’ha creata

Read More...

SUPERMAGIC 2019 al Teatro Olimpico di Roma

TEATRO OLIMPICO   dal 24 gennaio al 3 febbraio 2019 SUPERMAGIC 2019 “ALCHIMIE” Festival internazionale della Magia - 16ª edizione   Con    NIEK TAKENS (Migliore

Read More...

Mobile Sliding Menu