Che classe al Teatro de’ Servi di Roma

In Eventi in Teatro

Al Teatro de’ Servi la scuola diventa un’occasione di riscatto 

Quattro studenti, una professoressa, una bidella: bastano e avanzano a comporre una classe tutta particolare dove si incrociano, con ritmo incalzante, battute a ruota libera e problemi reali. Perché lo spettacolo scritto da Veronica Liberale, prodotto da Antonio Grosso e Marco Cavallaro si muove nella migliore tradizione del Teatro de’ Servi che pretende dagli spettacoli in cartellone brio, leggerezza, ironia, ma anche attenzione al sociale.

Come è difficile fare il professore, oggi. Ma anche come è difficile fare lo studente, specie se si lavora e ci si è iscritti a un liceo serale, con il miraggio dell’agognato diploma. Questo sembrano dire i personaggi che si muovono sul palcoscenico per la regia di Marco Simeoli, in scena dal 3 al 22 aprile

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale Youtube

In primo luogo lei, Nora Cosentino de Cupis, la prof, interpretata dalla stessa autrice, colta, sensibile, ma è una sognatrice che non sa e forse non vuole neppure insegnare. Per di più deve fare i conti con lo spettro ingombrante della madre, ex preside in quella stessa scuola, pedagoga e scrittrice di successo, insomma l’esempio da seguire, da imitare e dal quale sentirsi inesorabilmente annichiliti. Per fortuna c’è Tecla, la bidella, interpretata da Antonia Di Francesco, che con simpatia tutta romana sa uscire dalle situazioni più intricate.

Gli studenti compongono una specie di Corte dei miracoli: non poteva mancare l’extracomunitaria, russa, diplomata in patria ma in Italia costretta, con rabbia, a fare la badante (Alessandra de Pascalis), il ristoratore che non sa assumersi le sue responsabilità (Simone Giacinti), la tipica rappresentante della nuova generazione di smanettoni capaci di inventarsi lavori come fashion youtuber ma pur sempre attaccati al pezzo di carta (Veronica Pinelli) e infine il giovane disadattato e secchione con problemi relazionali  (Fabrizio Catarci).

Ne scaturisce un florilegio di frustrazioni. Perché è nell’ordine delle cose, coi tempi che corrono, sentirsi fuori posto. 

Ma sono davvero inadeguati Nora e i suoi studenti? Alla fine riusciranno a superare dubbi e indecisioni, conquistando o almeno intravvedendo un riscatto sociale, un miglioramento concreto della propria vita. Non c’è da preoccuparsi. L’happy end è d’obbligo. Si deve uscire dal teatro sorridendo.

Teatro de’ Servi – gestione La Bilancia Produzioni
Via del Mortaro 22 (ang. Via del Tritone), Roma
tel. 06 6795130 – info@teatroservi.it
ORARIO SPETTACOLI
da Martedì a Venerdì: ore 21 
Sabato: ore 17.30 e ore 21 – Domenica: ore 17.30
ORARIO BIGLIETTERIA
da Mar a Sab dalle ore 10 alle 20
Dom dalle ore 15 alle 17.30 – Lun chiuso
UFFICI 
Promozione
 – Giorgia Ferrarese 
promozione@teatroservi.it – Tel 06 69923068
Stampa – Ilaria Tana 

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Ritorna al Teatro Marconi di Roma La parrucchiera dell’imperatrice

    La parrucchiera dell'imperatrice. Ossia la vera storia della Principessa Sissi   Di Franca De Angelis Regia Anna Cianca Con Tiziana Sensi      21 gennaio   Il

Read More...

Coco Chanel: pioniera controcorrente

Oggi vi voglio parlare di un personaggio della moda a me cara, un personaggio che la Moda l’ha creata

Read More...

SUPERMAGIC 2019 al Teatro Olimpico di Roma

TEATRO OLIMPICO   dal 24 gennaio al 3 febbraio 2019 SUPERMAGIC 2019 “ALCHIMIE” Festival internazionale della Magia - 16ª edizione   Con    NIEK TAKENS (Migliore

Read More...

Mobile Sliding Menu