Awake, il terzo album dei Redeem

In Recensioni

redeem-1

Non averli mai ascoltati è davvero un peccato mortale perché i Redeem sono un gruppo rock esplosivo nella voce e nella musica. Awake, terzo album della rock band, è un insieme di brani senza compromessi che vuole lanciare un grido di allarme verso questo mondo che non riesce a superare uno dei periodi sociali peggiori.

I Redeem, gruppo svizzero, è composto da Stefano “Saint” Paolucci, Alessio Piazza e Simon Steiner e, da quando si sono formati, nel 2006, hanno calcato i palchi delle maggiori città europee.

Potrebbe sembrare che il gruppo si sia dato una spinta verso il pessimismo e l’accettazione di tutto ciò che può essere negativo all’interno della nostra vita, invece i brani lasciano sempre una nota di speranza. Ben 11 tracce da cui traspare una musica ad effetto, che coinvolge e un ritmo che riesce a penetrarti e a restare nella mente. Nelle canzoni, scritte da Stefano “Saint” Paolucci, sono espressi tutti i sentimenti della vita: odio, amore, gioia e dolore.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale di Youtube

Le tracce raccontano di sonorità dure, potenti, energiche che vedono anche l’ingresso in sala registrazione del bassista Alessio Piazza. Non è un caso, con due giovani nomi italiani, che uno dei brani è cantato in italiano “La Luna”, una prima volta assoluta per la band e racconta i tormenti interiori di un ragazzo che è stato lasciato, in romantico stile rock. L’album si apre con l’esplosiva “Awake” che detta il ritmo di questo terzo lavoro, nn altro brano del nuovo album, “Borderline”, che è anche il primo singolo, è una ballata che racconta di una difficile relazione che prende gli aspetti del disturbo da cui è stato preso il titolo.

redeem-band-2016

Altri brani della band sono “Judgement Day” che racconta della società in cui la singola persona si piega alla volontà altrui e non alla sua, “Alter Ego” una narrazione della battaglia del proprio io, per poi passare ad argomenti diversi, come “Beautiful Day”, dedicata ai figli di Saint Paolucci.

The last Goodbye” il nuovo singolo, scritto per qualcuno che ha perso la propria moglie e che vuole farla finita, rappresenta, forse, il miglior brano del disco, non solo, ma è presente anche una versione acustica che rende la canzone dolcissima e indimenticabile. Qualcosa di davvero poetico.

L’album è una vera scoperta per il chi ascolta il gruppo per la prima volta, ma anche una conferma del percorso artistico di una band che riesce ad acquisire sempre maggiori fan per un hard rock sempre attuale.

Accetta i cookie di YouTube per riprodurre questo video. Accettando l’utente accederai ai contenuti di YouTube, un servizio fornito da terze parti esterne.

Informativa sulla privacy di YouTube

Se accetti questo avviso, la tua scelta verrà salvata e la pagina verrà aggiornata.

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

CARA PROFESSORESSA e PRESTAZIONI STRAORDINARIE al Teatro dei Servi di Roma

  dal 26 al 28 novembre 2018 CARA PROFESSORESSA   scritto da Ljudmila Razumovskaja traduzione Valerio Piccolo adattamento Francesca Zanni   con Giovanna Centamore, Giovanni Nasta, Valerio Ribeca, Giuseppe Vancheri, Francesca Verrelli regia Andrea

Read More...

Uomini che non odiano le donne al Teatro Storchi di Modena

Domenica 25 novembre, ore 17.00 Teatro Storchi Largo Garibaldi, 15 - Modena     Uomini che non odiano le donne un’idea Loredana Lipperini con

Read More...

Tour Music Fest – The European Music Contest a Roma

La nuova musica europea si incontra a Roma con Tour Music Fest – The European Music Contest il più grande concorso europeo

Read More...

Mobile Sliding Menu