Assessore alla cultura? No, grazie

In News
Immagine da web
Immagine da web

“L’assessore alla cultura? Nessuno vuole farlo, si guadagna poco” sono queste le parole del sindaco Ignazio Marino ad una domanda precisa fatta in occasione delle dimissioni di Flavia Barca proprio per l’assessorato alla cultura.

Notizia importante, soprattutto nel periodo in cui la cultura è il fulcro della città di Roma, ricca di manifestazioni, iniziative e mille altre occasioni che si offrono ai turisti o ai romani stessi. Teatri, parchi, ville, musei, spazi, si animano tutte le sere per dare alla città la possibilità di godere anche di eventi culturali. Non a caso la domanda della giornalista de “Il Messaggero” è diretta: “Può attendere Roma per la cultura?”

Altrettanto provocatoria è la risposta del sindaco Marino che non nasconde le difficoltà riscontrate per assegnare il posto a qualcuno. Il guadagno mensile è “minimo”, poco più di 3.000 euro al mese, l’impegno grande, sette giorni su sette. Certo, i nomi il sindaco non li fa, ma sicuramente se ha cercato nei grandi nomi della cultura, a meno che non ci siano persone che amino destreggiarsi tra le reti della cultura e della politica e che guadagnino abbastanza da non voler far pesare lo stipendio offerto, chissà forse alla fine qualcuno si troverà.

Sarà, ma credo che a molti, invece, farebbe comodo lo stipendio offerto dal Comune di Roma per occuparsi della cultura, senza per questo scomodare i grandi nomi che sicuramente il suo staff ha tirato fuori. Chi vuole dedicarsi alla città, al servizio al cittadino e in questo caso alla cultura, lo fa con piacere e sicuramente non disdegnerebbe nemmeno quei 3.000 euro. Forse Marino non ha cercato bene fra le persone che sarebbero interessate a lavorare per quella cifra.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale di Youtube

Poi mi chiedo ancora, ma lo stipendio degli assessori, al di la del loro settore, non dovrebbe essere uguale per tutti? In questo modo, molto probabilmente, non ci sarebbero defezioni nell’assegnazione degli stessi. In fondo un assessore è un assessore, come un operaio è un operaio e l’impiegato è un impiegato, ma si vede che la mentalità della politica, è diversa, ingiusta.

Si, proprio non si riesce a dialogare con chi ha senso di uguaglianza, o meglio, nel dialogo tutti sono pronti a dirsi d’accordo, ma nei fatti nessuno si adopera affinché le parole diventino realtà.

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

CARA PROFESSORESSA e PRESTAZIONI STRAORDINARIE al Teatro dei Servi di Roma

  dal 26 al 28 novembre 2018 CARA PROFESSORESSA   scritto da Ljudmila Razumovskaja traduzione Valerio Piccolo adattamento Francesca Zanni   con Giovanna Centamore, Giovanni Nasta, Valerio Ribeca, Giuseppe Vancheri, Francesca Verrelli regia Andrea

Read More...

Uomini che non odiano le donne al Teatro Storchi di Modena

Domenica 25 novembre, ore 17.00 Teatro Storchi Largo Garibaldi, 15 - Modena     Uomini che non odiano le donne un’idea Loredana Lipperini con

Read More...

Tour Music Fest – The European Music Contest a Roma

La nuova musica europea si incontra a Roma con Tour Music Fest – The European Music Contest il più grande concorso europeo

Read More...

Mobile Sliding Menu