Informativa sui Cookie

Amore e crisi per i giovani del terzo millennio

In Cultura, Recensioni

Esilarante è il termine esatto per descrivere la commedia “Un amore da favola … ma una vita di merda” Scritto e diretto da Piero di Blasio con Valeria Monetti e Alessandro Tirocchi e con la partecipazione in voce di Barbara Foria. La commedia è andata in scena al Marconi Teatro Festival, per la rassegna estiva del Teatro Marconi di Roma.

Una commedia che segue la storia di Anna e Marco, due giovani, lei napoletana, lui romano, che vivono con uno stipendio tipico dei giorni nostri: 1.500€ al mese che guadagnano in due, cercando di provvedere a tutte le spese, e dove non esistono le vacanze, i week end in giro per divertirsi.  Il loro è un amore autentico, vero, fatto di piccole cose che permette loro di vivere insieme, non a caso convivono da dieci anni. E dopo questo lungo tempo, ecco che affiora, da parte di Marco, la consapevolezza di voler cementare la loro unione: sposarsi.

Il suo desiderio si scontra con il diniego di Anna che desidera fin da piccola, un matrimonio maestoso, con tutti i parenti, la chiesa addobbata per le grandi occasioni, il ristorante e la luna di miele da sogno.

Si perché il matrimonio comporta ormai delle grandissime spese e molte coppie vi rinunciano per questo. Ma il protagonista di questa commedia non vuole rinunciarvi e cerca di escogitare un piano affinché il suo matrimonio non si areni. Ma c’è la crisi, quella economica, quella che ha distrutto i sogni di tantissimi giovani e che continua a imperversare sulle teste degli italiani.

Un insieme di gag divertentissime che strappano risate a cuore aperto, ma anche riflessioni importanti, come quelle sui figli: “I figli si fanno per paura e io ho paura di fare figli” dirà la protagonista della commedia, motivando la sua avversione per la maternità a causa del mondo in cui vive e alle opportunità che non vede per un ipotetico figlio. Troppa crisi economica, troppo debito pubblico da lasciare sulle spalle di chi verrà dopo di noi. Come fare un figlio e dargli in eredità un debito?

Queste e tante altre situazioni fuoriescono dal racconto di “Un amore da favola … ma una vita di merda” accompagnato dalla colonna sonora della canzone di Lucio Dalla, “Anna e Marco” cantata in tante versioni: da quella originale a quella cantata dai protagonisti della commedia. Anche la scenografia, facilmente gestibile dagli stessi attori, riesce ad essere interessante e particolare, soprattutto l’utilizzo che se ne fa per alcuni oggetti, che diventano occasione per le battute dei personaggi.

Un testo fresco, brioso, accompagnato da una recitazione ottima dei due protagonisti e una regia che non lascia nulla al caso. Un interessante spunto di riflessione della crisi moderna, tra ironia, sogno e dura realtà.  

 

You may also read!

Caffè Alzheimer a WeGIL di Roma

Caffè Alzheimer a WeGIL solidarietà e socializzazione contro l'isolamento e lo stigma 21 febbraio 2018,ore 16.00 WeGIL - Largo Ascianghi 5,

Read More...

“MOMENTI DI TRASCURABILE (IN)FELICITÀ” alla Sala Umberto di Roma

FRANCESCO PICCOLO MOMENTI DI TRASCURABILE (IN)FELICITÀ REGIA ANGELO GENERALI Francesco Piccolo racconta e legge le storie tratte dai due libri gemelli, Momenti di trascurabile

Read More...

“Piccola città” al teatro Cyrano di Roma

presenta Piccola città di T. Wilder regia Ettore Falzetti adattamento di Ettore Falzetti e Elena Tomba con Simona De Leo, Valerio De Negri, Patrizio

Read More...

Leave a reply:

Your email address will not be published.

diciotto − 6 =

Mobile Sliding Menu