Acting Together #WithRefugees 2 all’ITC Studio di San Lazzaro di Savena – Bologna

In Eventi in Teatro

UFFICIO STAMPA TEATO DELL’ARGINE

JESSICA BRUNI | GIULIA POMPILI  | ufficiostampa@teatrodellargine.org

UFFICIO STAMPA UNHCR

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale di Youtube

BARBARA MOLINARIO | 

 

AGLI ORGANI DI INFORMAZIONE

LORO SEDI

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

Acting Together #WithRefugees 2

Una sessione di networking nazionale su arte e dialogo interculturale

San Lazzaro di Savena, 15 e 16 novembre 2018

 

Giovedì 15 e venerdì 16 novembre 2018 all’ITC Studio (via Vittoria, 1 – San Lazzaro di Savena – Bologna) il Teatro dell’Argine e UNHCR – Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati organizzano una sessione di networking nazionale su arte e dialogo interculturale, nell’ambito del progetto Acting Together #WithRefugees 2.

 

Una due giorni per incontrarsi, per conoscersi, per fare il punto su competenze e risorse, su pratiche ed esperienze di chi lavora, nel settore delle arti, insieme a persone rifugiate, richiedenti asilo e migranti. Un’occasione per imparare gli uni dagli altri, per confrontare punti di forza e criticità, per stringere alleanze che rinforzino le singole azioni sui vari territori locali.

 

La sessione sarà così strutturata:

  • breve racconto in parole e video del progetto Acting Together #WithRefugees 1, in particolare dell’azione training for trainers, comprendente una sintesi delle esperienze, pratiche e metodologie del Teatro dell’Argine;
  • racconto e condivisione dei progetti, delle esperienze e delle pratiche dei partecipanti da tutta Italia;
  • elaborazione di macro temi e questioni emerse dai racconti precedenti, che diventeranno materia di discussione e approfondimento nei tavoli di lavoro.

 

Acting Together #WithRefugees 2 rappresenta l’allargamento a livello nazionale di alcune azioni del progetto Acting Together #WithRefugees 1, realizzato nel corso della stagione 2017-2018 dal Teatro dell’Argine, con il supporto di UNHCR – Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Il progetto originario comprendeva attività laboratoriali, scambi e sessioni di formazione per i formatori sul territorio dell’area metropolitana bolognese; in questo caso, si partirà con una condivisione dei risultati del primo progetto, per poi procedere a un racconto di pratiche, processi ed esperienze realizzate da realtà diffuse su tutto il territorio nazionale, quindi all’elaborazione congiunta di temi e questioni cruciali per i più, che diventeranno materia per dei tavoli di lavoro.

Oltre agli obiettivi di conoscenza, formazione e training, l’idea è che questa sessione di confronto e lavoro comune possa rappresentare un primo passo verso la costruzione di una rete di alleanze a livello nazionale, per la realizzazione di attività comuni, per la condivisione di modalità, criticità, problemi e soluzioni, per essere più efficaci nell’impegno quotidiano, per sentirsi meno soli.

 

               

«Questa sessione di networking nazionale si propone di mettere insieme, far conoscere, confrontare e stimolare fra loro, le realtà teatrali e artistiche che in Italia lavorano nelle medesime zone di confine, mosse da obiettivi analoghi e con strumenti simili. Perché l’enorme ricchezza di visione e di competenze di questa parte della società civile possa emergere, darsi forza, e dare infine un contributo alla creazione di legami, intrecci, incroci fruttuosi, che non sono solo degli artisti, sono di tutti e tutte» (Teatro dell’Argine).

 

                Alla due giorni parteciperanno realtà da tutta Italia che, a diverso titolo, si occupano di teatro, arte, culturale, sociale e migrazione in diversi contesti. Saranno presenti: Artestudio (Lazio), Arti e spettacolo (Abruzzo), Associazione Culturale Smascherati! (Umbria), ATGTP (Marche), Associazione Malte (Marche), ATIR (Lombardia), Babel Crew (Sicilia), Centro di Creazione e Cultura (Toscana), C.Re.S.Co, Carovana S.M.I. (Sardegna), Suq Festival (Liguria), Cooperativa Camelot (Emilia-Romagna), Factory Compagnia Transadriatica (Puglia), Fondazione Fabbrica Europa per le arti contemporanee e ROOTS & ROUTES International (Toscana), Fondazione Ismu (Lombardia), Gommalacca Teatro (Basilicata), IAC Centro Arti Integrate (Basilicata), Isola Quassud (Sicilia), Istituto Pratiche Teatrali per la Cura della Persona (Piemonte), Kronoteatro (Liguria), Maria Grazia Panigada (Lombardia), Operaestate Festival Veneto – CSC Centro per la scena contemporanea (Veneto), PAV (Lazio), Rete Teatrale Aretina – Festival Dello Spettatore (Toscana), Teatrabile (Abruzzo), TeatriInGestazione (Campania), Teatro dei Venti (Emilia-Romagna), Teatro del Mondo e TamTando (Valle d’Aosta), Teatro dell’Orsa (Emilia-Romagna), Teatro Due Mondi (Emilia-Romagna), Teatro Koreja (Puglia), Teatro Metastasio di Prato (Toscana), Teatro Metropopolare (Toscana), Teatro Scientifico-Teatro Laboratorio di Verona (Veneto), Teatro Stabile di Innovazione del FVG (Friuli-Venezia Giulia).

 

Sarà possibile partecipare come uditori e uditrici previa iscrizione, fino a esaurimento posti, scrivendo a jessica.bruni@teatrodellargine.org.

 

Per ulteriori informazioni sul progetto visita bit.ly/ActingTogetherWithRefugees_TdA

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Film: Il cacciatore e la regina di ghiaccio

Il film Il cacciatore e la regina di ghiaccio diretto da Cedric Nicolas Troyan è del 2016 e segue

Read More...

Faust, il nostro punto di vista

Nella bella cornice del Teatro Torlonia, un teatro molto carino piccolo, discreto, della fine dell’ottocento, all’interno di villa Torlonia,

Read More...

Al Teatro Massimo di Roma la finale del Tour Music Fest 2018

Si è svolta al Teatro Massimo di Roma la finale del Tour Music Fest 2018. La serata aperta da

Read More...

Mobile Sliding Menu