A Solidiamo Insieme la onlus AIFVS

In Solidiamo Insieme
Foto Sissi© Patrizia Quaresima AIFVS
Foto Sissi© Patrizia Quaresima AIFVS

Il 23 novembre l’ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite) ha istituito la giornata delle vittime della strada che, per nostra sfortuna, non sono poche, soprattutto in Italia. Infatti i dati della media europea ci mettono al di sotto delle grandi nazioni, dandoci un triste primato che è in continuo aumento invece di decrescere come avviene nel resto d’Europa.

Per parlare di questo sabato 17 novembre, abbiamo invitato Patrizia Quaresima dell’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada (AIFVS), che resta accanto ai familiari e alle vittime di incidenti stradali. Patrizia ha avuta una doppia funzione durante il suo intervento perché non è solo un familiare di una vittima della strada, ma è stata anche lei vittima di un incidente.

La sua sofferenza, che porta nel suo sguardo e anche nelle sue parole, ci deve far riflettere sulla necessità di rendere più sicure le nostre strade e sicuramente di dare giustizia a chi è vittima di tali “distrazioni” o meglio di incuria. Spesso chi provoca incidenti è sotto gli effetti dell’alcool, delle droghe, è un guidatore incurante del codice stradale e, cosa ancor più grave, è un recidivo di questi reati.

Ebbene sicuramente c’è bisogno di una legislazione più severa e più attenta a queste esigenze, perché a pagarne le spese, spesso, sono proprio i più giovani. Abbassare i limiti di velocità, penalizzare maggiormente quegli autisti che cadono sempre nello stesso reato e un’informazione più accurata su quello che comporta un incidente, potrebbero sensibilizzare l’opinione pubblica, gli autisti e i giovani che saranno i futuri possessori di mezzi di locomozione.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale Youtube

Ascolta la puntata

Un’idea interessante, lanciata lì, potrebbe essere quella di far incontrare giovani studenti, ma aggiungerei anche i futuri possessori della patente, e chi porta su di sé i segni di un incidente stradale.

Io vi invito non solo a risentire la puntata, ma anche a visitare il sito dell’Associazione Familiari vittime della strada, cliccando sul sito dove potrete leggere le storie di giovani, di uomini e donne che, a causa dell’alta velocità, dell’instabilità personale e dell’imprudenza, hanno perso la vita. Un sguardo lo darei anche alla sezione poesie.

Se volete mettervi in contatto con l’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus oltre al sito, potete farlo contattando direttamente l’associazione:

Indirizzo: Via A.Tedeschi, 82 – 00157 Roma

Tel. 06/41734624 – cell. 340/9168405

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Il ricordo di Domenico Modugno al Sala Teatro Segreto

“Un Sogno Così” dedicata a Domenico Modugno Al "Sala Teatro Segreto" sito nel quartiere Testaccio è andato in scena “Un

Read More...

L’intervista a Max Nardari regista del film “Di tutti i colori”

è un film romantico, ma divertente e corale Uscirà nelle sale il 18 luglio “Di tutti i colori” il film

Read More...

Nuovo brano per gli Statale 66

È una musica scritta per dare forza Loro sono gli Statale 66, in molti li hanno conosciuti grazie alla partecipazione

Read More...

Mobile Sliding Menu

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Privacy –   Cookie policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie