“A cuore aperto”, l’amore raccontato da Beatrice Fazi e Patrizio Cigliano

In Recensioni

L’amore è quel sentimento che l’uomo e la donna ricercano continuamente fin da piccoli. L’amore tra uomo e donna si spera, sia unione duratura e per sempre, qualcosa che porti felicità per l’intera esistenza.

È questo il pensiero di Patrizio Cigliano, che, nello scrivere “A cuore aperto”, ha volutamente raccontato una storia presentata da una frase precisa: “l’Amore non muore mai”. Sul palco Beatrice Fazi e lo stesso Patrizio Cigliano, per la regia di Cigliano e le musiche originali di Fabio Bianchini.

Due giovani di estrazione sociale diversa si incontrano da bambini, si innamorano e vivono l’intera esistenza amandosi. Per lei suo marito è l’unico uomo che ha conosciuto, l’unico uomo che ha amato, nel bene e nel male. Ed ora, arrivati a ottant’anni, i due si ritrovano uniti e ancora innamorati.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre interviste, seguici anche sul nostro canale Youtube

Il loro è un percorso a ritroso nella propria storia e nella propria esistenza, che ci racconta di una vita fatta di compromessi per amore, dell’essere se stessi e di adeguarsi l’una all’altro. L’amore, infatti, non è solo un sentimento di gioia, ma anche la capacità, di entrambi, di saper cedere quando è il momento per farlo, di nascondere qualche verità, di optare per una bugia a fin di bene, di difendere la persona amata da situazioni difficili.

Il racconto di “A cuore aperto” è il racconto umano di una coppia comune, che naviga attraverso gli anni e la vita, ma lo fa in modo semplice e delicato, facendoci entrare nel cuore della coppia attraverso una finestra aperta per il mondo.

Beatrice Fazi e Patrizio Cigliano si cercano con lo sguardo, con i gesti sul palco e si raccontano, mentre le parole arrivano al cuore, attraversano la mente. Il testo è straordinariamente attuale, veritiero e colpisce direttamente al cuore.

Bellissima è l’interpretazione della Fazi, coinvolgente, sentita. Il suo approccio al personaggio è incredibilmente diretto e si percepisce quanto lo abbia fatto suo, quanto lo senta.

Bella la scenografia che ci porta con i suoi oggetti, nel passato, nel presente, o ci racconta, parola dopo parola, la storia della coppia di coniugi.

Lo spettacolo sarà in scena fino al 18 novembre al Teatro Sette di Roma e sicuramente è una pièce da non perdere assolutamente, per il testo e l’interpretazione dei suoi attori.

Condividi i nostri articoli sui tuoi social

You may also read!

Recensione: Se quella sera

invito a voler cogliere il bello dello vita Vi ricordate Sliding Doors il film con Gwyneth Paltrow? La protagonista del

Read More...

Intervista a Bruna K. Midleton autrice di Murate vive

rinchiudere le figlie era pratica usuale  Il racconto “Murate Vive – Marianna De Leyva e le altre monache di Monza”,

Read More...

Cosa significa essere single oggi: Sex e detriti 2.0 amori e altre sventure

Come vivono questa situazione le donne? La singlitudine è una caratteristica di questi anni. Molte donne vivono con tranquillità questa

Read More...

Mobile Sliding Menu

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Privacy –   Cookie policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie